I VOTI DI STAGI. MOHORIC SCAPPA DA TUTTI. CAVENDISH SI PRENDE L'ABBRACCIO

I VOTI DEL DIRETTORE | 16/07/2021 | 18:49
di Pier Augusto Stagi

Matej MOHORIC. 10. Tutti zitti, dice in maniera plateale il 26ennne ragazzo di Kranj che porta in albergo la terza vittoria di squadra in questo Tour, la seconda personale, la terza di fila per un corridore sloveno dopo la doppietta di Pogacar. Un successo per portare anche un po’ di leggerezza in tutto il team ancora scosso dalla visita della Gendarmerie dell’altra sera. Squadra scossa, ma non spaventata. Oggi tutti all’attacco, perché nel ciclismo chi fugge non è per codardia, ma per coraggio. Per la cronaca: oggi 207 chilometri alla media di 47.901. Pazzesco!


Christophe LAPORTE. 9. Il 28enne corridore transalpino della Cofidis fa una corsa di altissimo profilo, ma poi si deve inchinare ad un passista d’eccezione. Sono i particolari che fanno la differenza, e per Christophe ci sono quei 58” che sembrano eterni.


Casper PEDERSEN. 9. Il 25enne danese (ma quanti corridori forti ha la Danimarca?) della DSM entra nella fuga di giornata e fila via veloce come il vento.  

Mike TEUNISSEN. 7,5. Il 28enne olandese della Jumbo Visma non si risparmia, ma alla fine qualcosa paga. 

Nils POLITT. 7. Il tedescone della Bora-Hansgrohe ha l’occasione per fare bis, ma anche lui, al termine di una giornata ad altra gradazione di velocità, va in ebollizione. 

Michael VALGREN. 7. Il 29enne della EF Education Nippo è l’ennesimo danese sugli scudi. Bella scuola. 

Davide BALLERINI. 6,5. Anche il nostro “Ballero” balla fin dal mattino. Corsa d’attacco, ma nel finale comincia a scarseggiare la benzina. 

Chris FROOME. 6,5. È ancora in gruppo, è ancora qui. Oggi si è visto anche in testa al gruppo a scandire l’andatura. Che dire? Chapeau!

André GREIPEL. 39. Oggi il tedesco della Israel Start-Up Nation compie gli anni. Taglia l’ultimo traguardo degli “enta”, prima degli “anta”. 

Marc CAVENDISH. 34. Avrebbe voluto prendersi la quinta vittoria di tappa in questo Tour, la numero 35, per il record assoluto. Si prende l’abbraccio di Eddy Merckx: e non è poco.

Copyright © TBW
COMMENTI
Pazzesca la noia!
17 luglio 2021 00:04 pickett
Tappe come queste ,col gruppo maglia gialla a venti minuti,sono la morte del ciclismo.Tra l'altro il giorno dopo la tappa di montagna + squallida,triste e soporifera degli ultimi 75 anni.Mohoric ha vinto dietro derny,trascinato dal convoglio delle moto,come Mollema,Politt e tutti gli altri che sono arrivati da soli.Sono anni che vediamo la stessa cosa;chi prende 100 metri ha vinto,si può anche spegnere la tv perché la tappa é finita. Nessuno pare se ne accorga...

tappa noiosa
17 luglio 2021 15:07 fransoli
evidentemente qualcuno ha visto un'altra corsa, negli ultimi 50 chilometri non c'è stato un attimo di tregua nel gruppo in fuga... sono più noiosi sempre i soliti commenti relativi al dietro moto... la cassandra che prevedeva poi un rallentamento da parte dei corrdori della Bahrein è stata poi subito smentita, sono bastate 24 ore, come volevasi dimostrare

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Alessandro COVI. 10 e lode. Sarà anche nato sul Tainenberg, un muro varesino, uno strappo tipo Grammont o Pattenberg, ma questo è un ragazzo adatto a qualcosa di più lungo e duro, adatto anche alle salite più ardite. Classe purissima...


Remco Evenepoel conquista anche la quinta tappa del Giro di Norvegia, da Flekkefjord a Sandnes. Questa volta il belga della Quick Step Alpha Vinyl vince allo sprint superando un gruppetto di fuggitivi con Johannessen che chiude secondo e Plapp terzo. ...


A tarda sera, unità del Cai stanno ancora cercando le schegge del famoso Carlandley, questa strana entità che sembrava granitica e inscindibile, ottenuta saldando per tre settimane le singolarità di Carapaz, Landa e Hindley. Se dio vuole, sotto le pesanti...


L’esotne Norman Vahtra ha vinto la seconda e ultima tappa del Tour of Estonia - la Tart-Tartu di 164, 8 km - battendo in uno sprint a due il lituano Siskevicius. Il gruppo, staccato di 36 secondi, è stato regolato...


Due anni fa aveva visto il suo sogno rosa sfumare nella crono finale di Milano, battuto da Tao Geoghegan Hart, oggi Jai Hindley si è ripreso di forza la maglia rosa e ha tutta l'intenzione di non mollarla mai più:...


Lo scorso anno ci era andato molto vicino ad una vittoria al Giro d'Italia, quest'anno Alessandro Covi non ha sbagliato una sola mossa e si è portato a casa il successo nella tappa più bella: «Sono partito per vincere una...


Domani a Verona non sarà Vincenzo Nibali a salire sul palco dei vincitori, ma il siciliano il suo premio lo ha già vinto, grazie al  pubblico che con applausi e urla lo ha spinto sulla salita della ventesima tappa del...


Il giovane irlandese Darren Rafferty, classe 2003, della Hagens Berman Axeon si è aggiudicato le Strade Bianche di Romagna davanti a Petr Kelemen (Tudor Pro Cycling Team); terzo Simone Raccani (Zalf Euromobil Desiree Fior), il primo degli italiani. Alla gara...


Va ancora al Nord il Gran Premio Lari-Città delle Ciliegie. Dopo i successi di Davide Bais nel 2019 e di Stefano Gandin l’anno scorso, è stato il quasi ventunenne friulano di Buttrio provincia di Udine Nicolò Buratti ad imporsi con...


Due eroi sulla Marmolada: Alessandro Covi e Jai Hindley. Il 23enne varesino della UAE Team Emirates ha vinto una tappa da leggenda superando da solo in fuga Pordoi  e Marmolada per firmare l'impresa più bella della sua carriera, E Jay Hindley...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach