LAPPARTIENT: «PROTOCOLLO PER I CASI DI CADUTE CON COLPI ALLA TESTA. LA VUELTA? SI CORRE»

POLITICA | 26/09/2020 | 19:15
di Francesca Monzone

A Imola questa mattina c’è stata la consueta conferenza con il presidente dell’UCI David Lappartient affiancato dal presidente della Federciclismo Renato Di Rocco. Tre i temi affrontati dal numero uno del ciclismo mondiale: il doping, la sicurezza e il cattivo comportamento verso l’ambiente.


Già dal 2021 ci saranno dei protocolli nuovi in particolare sulla sicurezza nei casi di commozione cerebrale. Lappartient nel suo discorso questa mattina ha fatto riferimento all’incidente di Bardet al Tour de France ricordando che, a differenza di altri sport, nel ciclismo non esiste un protocollo che miri alla salvaguardia di un corridore in caso di urti alla testa.


“Abbiamo il dovere e la necessità di scrivere un protocollo sui casi di commozione cerebrale, che avvengono in una corsa in seguito a una caduta – ha spiegato il presidente dell’UCI – dobbiamo prendere esempio da sport come il rugby, dove protocolli del genere sono già in vigore da tempo”.

E’ stato riportato l’esempio dell'incidente di Romain Bardet durante la 13a tappa del Tour de France: Bardet era caduto a terra battendo la testa, ma subito dopo si era rialzato portando a termine la corsa. Più tardi in albergo vennero notati atteggiamenti sospetti e il corridore è stato portato in ospedale per accertamenti e lì gli è stata riscontrata una commozione cerebrale, per cui è stato sottoposto allo stesso protocollo usato nel rugby.

E’ stato poi chiesto se ci fossero rischi su un possibile annullamento della Vuelta a causa della situazione sanitaria legata al Covid in Spagna. Lappartient ha ribadito che le date sono tutte confermate e che stanno lavorando in modo sinergico con le autorità sanitarie spagnole. “Attualmente la Vuelta non è messa in discussione. Il protocollo sanitario sarà senza dubbio ancora più severo rispetto ad oggi. Saranno seguite le indicazioni sanitarie delle autorità spagnole".

Un altro argomento trattato è stato quello sul caso Roglic e la bici danneggiata dall’addetto della UCI con l’allontanamento del direttore sportivo del team Jumbo-Visma Zeeman. “L'UCI non ha causato danni alla bici di Roglic – ha detto il presidente dell’UCI - Abbiamo in nostro possesso il video dello smontaggio della bici da parte di un meccanico del World Cycling Center. Lo smontaggio è andato bene, è stato fatto nel modo corretto. Non era accettabile un atteggiamento così aggressivo contro il meccanico e il nostro addetto al controllo, pertanto la sanzione è giusta”.

Si è parlato anche delle analisi effettuate durante il Tour de France e la mancanza di dati relativi alle analisi per il doping e gli ultimi test Covid. In questo caso Lappartient ha difeso il Tour facendo un confronto diretto con i Mondiali di Imola. “Per quanto riguarda i test Covid, su 9.500 analisi effettuate sui corridori e il loro staff, 21 test sono risultati positivi, ma se guardiamo i Mondiali di Imola c'è 1 caso positivo su 1.200 test”.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La nuova collezione invernale Equipe offre una naturale estensione dell’Assos Layering System, un sistema che abbina capi, quindi strati diversi, per garantire a chi pedala durante l’inverno la massima stabilità a livello di temperatura corporea. Il passaggio è semplice, più...


Giovanni Visconti non prenderà il via nella 18^ tappa del Giro d'Italia da Pinzolo ai Laghi di Cancano. Come informa Paolo Raugei, dottore della Vini Zabù - Brado - KTM, il siciliano soffriva da alcuni giorni di una tendinite del...


RCS Sport, in accordo con l'UCI (Union Cycliste Internationale) e con le squadre al Giro d'Italia, ha sottoposto queste ultime ad ulteriori controlli antigenici, al fine di rafforzare le misure sanitarie previste dal protocollo UCI, e nel rispetto delle misure...


Anche noi siamo sulla nostra Cima Coppi, la vetta più alta e più bella che la corsa rosa affronterà quest’oggi, mentre noi l’abbiamo scalata inconsapevoli ieri. Un altro record, per quanto ci riguarda pazzesco: in un solo giorno 145.142 visitatori,...


Comunque vada la corsa, non avrà tempo di brindare in cima allo Stelvio e allora lo facciamo qui, tutti insieme perché il traguardo che taglia oggi Roberto Bettini è davvero importante. «Succede anche questo nel 2020: si cambia decennio, il...


Stelvio chiuso da ieri pomeriggio verso le 17, ma qualcuno ha deciso di salire comunque in vetta e di dormire al gelo. Pochi, pochissimi, 15 persone in tutto (contate passando in auto stanotte). Soluzioni come tenda, e inevitabile mangiata...


Guerciotti è pronta a presentare la sua nuova gamma elettrica, che sarà svelata lunedi 26 ottobre alle ore 19.00 su tutti i canali social dell’azienda milanese. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


Matej Mohorič non prenderà il via nella terza tappa de La Vuelta dopo essere caduto nella tappa di ieri e aver riportato una frattura composta della scapola. Il corridore sloveno è scivolato in curva proprio ai piedi della decisiva salita...


Ultime battute della stagione ciclistica anche in campo giovanile, ma la passione per le due ruote non si ferma e ce la racconta «Ciclismo Oggi», lo storico programma dedicato alle due ruote in onda su Teletutto (canale 12) questa sera...


Dopo la frazione di Madonna di Campiglio che ha esaltato O'Connor e partorito un topolino per quanto riguarda la lotta per la classifica generale, sono ancora le montagne – e che montagne - che connotano questa tappa che va dal...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155