MONDIALI. VAN DER BREGGEN: «DOPO QUATTRO ARGENTI, E' UN ORO CHE CI VOLEVA»

DONNE | 24/09/2020 | 17:31
di tuttobiciweb

Anna Van der Breggen è abituata apodi e maglie importanti ma l'emozione risce sempre a far capolino sul suo volto: «È davvero bello essere qui e poter correre il mondiale: anche se c’è meno gente lungo le strade e al traguardo sono sicura che sono in tanti a seguirci davanti alla tv. La gara di oggi? Dopo quattro secondi posti al mondiale sono decisamente felice di indossare questa maglia di campionessa mondiale della cronometro. Quest’anno mi sono concentrata tanto su questa specialità ed i miei sforzi sono stati premiati».


Ti sei sentita come Verstappen, le chiedono visto che il truardo iridato era posto all'interno del circuito automobilistico di Imola. Lei ride e risponde: «No. Ma una cosa è certa: a pedalare in autodromo ti rendi conto che è davvero grande e capisci quanto vai lenta rispetto a una Formula 1...».


«Non aver mai vinto il titolo della cronometro è stata una grande motivazione nel 2020 per me. Con tanto tempo a disposizione, e sono stata abbastanza fortunata perché il lockdown nei Paesi Bassi non mi ha impedito di allenarmi, mi sono focalizzata sugli allenamenti specifici per migliorare a cronometro e ho anche iniziato a divertirmi. È stato un anno particolare: di solito ci si allena con un obiettivo specifico, nel 2020 ho dovuto trovare la motivazione in qualcosa di utile: migliorare a cronometro, trovare la giusta posizione in sella. Ho avuto tempo per fare modifiche e testare i materiali. Mi è dispiaciuto tantissimo per l'incidente di Dygert, è sempre difficile affrontare le curve ad alta velocità e con il vento. Le mando i miei migliori auguri. Nuovi obiettivi? Ora corro per il piacere di farlo: se vinco, benissimo, altrimenti ci riproverò». 
Il pensiero della neo-iridata corre quindi alla prova iridata in linea di sabato: «Quello di Imola è un bellissimo percorso, per noi molto dipenderà dalle condizioni di Annemiek van Vleuten e del suo polso, ma abbiamo un'ottima squadra in ogni caso. Non vedo l'ora arrivi sabato». 

Questo il commento della seconda arrivata Reusser: «Sono molto contenta. Ho pensato di poter fare qualcosa di buono ed ecco una medaglia d'argento che mi rende felicissima. Non posso definirla una occasione sprecata, perché Anna è un'atleta veramente forte, più completa di me. È stata veramente velocissima negli ultimi 6 km, molto tecnici. Anna merita questa maglia iridata; io devo sviluppare alcune mie caratteristiche per diventare davvero un'atleta completa». 

«Sono felice di questa medaglia di bronzo, ma anche un po' rammaricata. Felice di essere al via dei Campionati del Mondo, perché inizialmente non ero tra le selezionate. So di essere partita lenta nella prima metà di gara, non posso che rammaricarmene; ma ho fatto una buona seconda parte, quindi devo essere contenta di questa medaglia» conclude van Dijk, che si deve accontentare del bronzo.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Festa in casa Movistar nella seconda tappa della Vuelta di Spagna grazie all'acuto di Marc Soler che ha coronato il grande lavoro svolto dai compagni di squadra nella Pamplona-Lekunberri di 151 km. Dopo una prima ora caratterizzata da scatti e...


Nella giornata in cui il Giro d'Italia è tornao a Madonna di Campiglio, Mario Cipollini è intervenuto a “Sulle strade del Giro”, la trasmissione di Radio 1 Rai dedicata alla trasmissione in diretta delle fasi finali della tappa della corsa...


Primo atto della "due giorni della verità" di questo Giro d'Italia 103. I 203 km dolomitici da Bassano del Grappa a Madonna di Campiglio premiano l'australiano Ben O'Connor della NTT, che con un attacco decisivo a 8 km dall'arrivo cancella la...


Il direttore del Giro d'Italia Mauro Vegni ha confermato in diretta tv il cambiamento della tappa di sabato: «Sullo Stelvio ci andiamo sicuramente - ha esordito Vegni - ma siamo costretti ad annunciare il cambiamento della penultima tappa del Giro....


Yves Lampaert scrive il suo nome nell'albo d'oro della Tre Giorni di La Panne vincendo per distacco l'ultima classica belga della stagione. Classica peraltro condizionata dal forte vento, al punto che gli organizzatori sono stati costretti a cancellare un giro...


F come fantasmi. Nel senso di team che sono in gara, ma nessuno se ne accorge. Corrono all’insaputa di tutti, a volte anche di loro stessi. E’ una vecchia abitudine della corsa rosa, col tempo diventata obbligo: per regolamento deve...


Il timbro verrà messo tra poche ore, ma ormai è certo che non si disputerà nella sua forma originale la tappa numero 20 del Giro d'Italia, quella dell'Agnello e dell'Izoard. Come avevamo riportato questa mattina, le previsioni meteo annunciano neve...


Tutti si aspettano la tappa di domani, con arrivo a Cancano, per le dure salite che i concorrenti troveranno lungo il percorso. In realtà, dettaglio da non sottovalutare, sarà la discesa della Stelvio. 21 km dentro un freezer. Sulla cima...


Tornava ieri a correre inun grande giro dopo due anni, ha subito accumulato un distacco importante - più di 11 minuti - ma non si è aasolutamente preoccupato. Stamame, infatti, Chris Froome twitta così dalla Spagna:«Battesimo del fuoco per il...


La decisione definitiva verrà presa domani, alla luce delle più aggiornate previsioni meteo, ma di ora in ora calano le possibiltà di salire al Colle dell'Agnello e quindi all'Izoard. Le previsioni meteo, infatti, in questo momento non danno grande speranza...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155