L'EX CT FUSI ALLA PALAZZAGO: «HO ANCORA MOLTO DA DARE»

DILETTANTI | 27/02/2020 | 07:46
di Alessandro Brambilla

Antonio Fusi, classe ’56, comasco di Lurago d’Erba,  torna a lavorare come allenatore-preparatore nel ciclismo. Antonio, che è originario di Guanzate, da gennaio è nello staff tecnico della Palazzago, team bergamasco che svolge attività con under 23. Ezio Tironi e gli altri dirigenti della Palazzago vogliono tornare ai fasti di un tempo e per questo motivo hanno scelto Fusi.

Dopo una discreta carriera da corridore dilettante Antonio Fusi ha iniziato quella da tecnico  culminata con l’ingresso nello staff della Nazionale. Da ct azzurro si è affermato soprattutto con gli under 23 e ai Campionati del Mondo di Lugano 1996 ha stabilito un record vincendo tutte le medaglie disponibili: nella gara in linea l’Italia ha occupato le prime 4 posizioni: primo Figueras, secondo Sgambelluri, terzo Sironi, quarto Bettini. Nella cronoindividuale di Lugano l’Italia poteva schierare un massimo di 2 atleti e il ct Fusi ha ottenuto l’oro con Sironi e l’argento con Sgambelluri.

Al Mondiale di San Sebastian ’97 l’oro a Fusi l’ha regalato Malberti nella cronometro. E a Valkenburg ’98 nuova tripletta nella gara in linea under 23: primo Basso, secondo Nocentini, terzo Di Luca, e bronzo a cronometro con Ortenzi. Ai Mondiali di Verona ’99 Italia under 23 sugli scudi nella gara in linea: primo Giordani, secondo Paolini. A Zolder 2002 l’under 23 Chicchi trionfò nel Mondiale in linea. Tra gli azzurri di Fusi che hanno conquistato medaglie ai Mondiali under 23 figurano anche Caruso, secondo nella gara in linea 2001, Bernucci, terzo nel 2000, e a cronometro Vincenzo Nibali bronzo nel 2004.  Fusi negli anni ’98,’99 e 2000 ha ricoperto (unico nella storia) la carica di ct dei professionisti stradisti  azzurri in contemporanea all’incarico per under 23. Con Bartoli ha conquistato il bronzo al Mondiale “prof” del ’98.

Antonio è uscito dallo staff federale a fine 2005, iniziando a insegnare scienze motorie al Liceo Terragni di Olgiate Comasco. «Dall’ottobre 2019 sono in pensione – fa notare  –e così ho accettato la proposta della Palazzago. Penso di poter dare ancora molto». Nel team orobico  il ct ritrova Salvatore Commesso, ora direttore sportivo: «Commesso l’ho avuto come corridore in svariate mie Nazionali. Oltre ad essere diventato bravo diesse è sempre una persona eccezionale».

da Il Giorno

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Le migliori squadre di ciclismo professionistico del mondo hanno confermato la loro partecipazione alla serie di gare The Digital Swiss 5, creata in risposta alla pandemia di COVID19 per offrire ai ciclisti l'opportunità di gareggiare l'uno contro l'altro e agli...


Due anni di lotta per sconfiggere la depressione. Mark Cavendish, campione britannico del ciclismo, ne ha parlato con il Times, raccontando la sua gioia per esserne venuto fuori. «Non solo la mia salute fisica è stata compromessa negli ultimi...


Dopo il successo ottenuto dalla versione Racing Zero CMPTZN, Fulcrum ha esteso l’opzione black on black all’ iconica ruota Racing Zero Carbon, un prodotto caratterizzato dal basso profilo aerodinamico che la ha rese uniche per reattività e versatilità. La prova...


È arrivata la quarta puntata di BlaBlaBike ed è una puntata davvero ricca di contenuti a cominciare dall'analisi di Alvaro Crespi sul momento drammatico che sta vivendo il ciclismo professionistico. «Ci sono poche possibilità di disputare i Grandi Giri in...


Un'altra squadra professionistica fa ricorso agli aiuti statali: si tratta della Riwal Readynez, formazione Professional danese, che ha fermato i suoi corridori dal 9 marzo e ha prolungato lo stop fino al 9 giugno, in modo che tutti i dipendenti...


Sta tornando dopo un “esilio” intrerminabile a causa del Covid-19 e di quei 12 tamponi che non ne volevano sapere di essere negativi. Sta tornando da asintomatico, ma con gli anticopi del coronavirus e non solo per quello. «È un'esperienza...


Mattia Cattaneo sta vivendo queste giornate nella sua casa di Bergamo, al centro di una delle province più colpite dalla pandemia. Il portacolori della Deceuninck Quick-Step si racconta a tuttobiciweb: «Sono giornate molto difficili per tutti noi. È come essere...


Sono tante le iniziative partite in queste settimane di emergenza sanitaria, a testimonianza dell'ingegno, della capacità e della alacrità della gente d'Italia. Iniziative che hanno sempre un'unica idea di fondo, quella di aiutare. Ci piace segnalarvene una tra queste perché...


La gara vera è stata rinviata ma abbiamo limitato i danni visto che ieri la battaglia sui muri del Fiandre c’è stata ma è stata solo online. Oggi Bkool non è solo una semplice alternativa all’allenamento su strada, ma è...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155