VUELTA. NUMERO 1 A VALVERDE MA SONO TANTI I MOTIVI DI INTERESSE

PROFESSIONISTI | 20/08/2019 | 07:30

Alejandro Valverde indosserà il dorsale numero nella Vuelta che scatta sabato prossimo. Il campione del mondo sarà uno di tre corridori che hanno già vinto la corsa spagnola insieme a Fabio Aru (UAE Emirates) e Nairo Quintana (Movistar). In corsa, anche loro con la maglia della Movistar, il re del Giro Richard Carapaz e il vincitore della Parigi-Nizza 2018 Marc Soler.

Grande attesa per i corridori sudamericani che hanno già domnato Giro e Tour: puntano in alto Miguel Angel Lopez (Astana), Esteban Chaves (Mitchelton Scott) e il tridente della EF Education First formato da Daniel Martinez, Sergio Higuita e soprattutto Rigoberto Uran.

Avrete sicuramente letto di una Movistar fortissima ma la Jumbo Visma non si annuncia certo più debole schierando Roglic Kruijswijk, Tony Martin, Bennett, Gesink e Kuss.

Grande attesa anche per Jakob Fuglsang (Astana), protagonista di un Tour sfortunato, per Wilco Keldermann (Sunweb), per Rafal Majka (Bora Hansgrohe), Pierre Latour (AG2R La Mondiale) e per il giovane Tao Geoghegan Hart (Team Ineos).

Tra i cacciatori di tappe l’eclettico Thomas De Gendt (Lotto Soudal), Philippe Gilbert (Deceuninck Quick Step) e Dylan Teuns (Bahrain Merida) e i velocisti Sam Bennett (Bora Hansgrohe), Fernando Gaviria (UAE Emirates), John Degenkolb (Trek Segafredo), Marc Sarreau (Groupama FDJ), Luka Mezgec (Mitchelton Scott) e Fabio Jakobsen (Deceuninck Quick Step).

Infine ci saranno tanti giovani, più di 50 quelli che si batteranno per la conquista della maglia bianca: uno per tutti, Tadej Pogacar, il talento sloveno della UAE Emirates che farà il suo esordio din un grande giro.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Dopo il Giro di Romandia, una seconda gara di WorldTour getta la spugna e cancella ufficialmente l'edizione 2020. Gli organizzatori della  E3 Binck Bank Classic hanno deciso di tornare nel 2021 e in una dichiarazione rilasciata a Wielerflits il capo...


  Ieri ho scritto di Italo Mazzacurati, oggi mi occupo di Mario Minieri. Sono sempre i reperti archeologiciclistici, inediti e dimenticati, di quell’incontro del 2003, o forse del 2004, tra Bologna e Ozzano, da cui nacque il libro “Una vita...


La pandemia di Covid-19 ha fermato lo sport e modificato le nostre abitudini ma, nonostante tutto, ci sono persone che in questo periodo tagliano traguardi importanti e prestigiosi, per cui hanno faticato tanto. È il caso di Alice Gasparini, ventiduenne...


Davide De Cassan è di Cavaion Veronese, 20 km da Verona, ed ha compiuto 18 anni il 4 gennaio. Già nell'orbita della Nazionale Italiana, l'anno scorso si è classificato infatti al secondo posto nella gara di osservazione di Ascoli Piceno...


Il Tour de Langkawi è una corsa molto italiana, soprattutto grazie ai velocisti. Basti pensare ai ventiquattro successi di tappa di Andrea Guardini... Per trovare un azzurro in grado di vincere la classifica generale si deve risalire al 2001, alla...


È una cosa nota ai più, l’industria tessile ha un fortissimo impatto nei confronti dell’ambiente, un produzione di emissioni di monossido di carbonio e inquinanti che la mette al secondo posto dietro al comparto che lavora il petrolio. Endura, brand scozzese...


Combattivo di natura, con il ciclismo nel cuore, profondendo il massimo impegno, motivandosi senza conoscere la fatica, senza arrendersi alle difficoltà. Questi è Marco Zamparella, 32 anni, sanminiatese di nascita. La sua strada nei momenti più importanti della carriera professionistica...


  In questo momento particolare  di emergenza, arriva la testimonianza da parte dell’USD Montecarlo, attraverso le parole del suo presidente Ferdinando Di Galante e del dirigente sportivo Stefano Bendinelli, in un comunicato che vuol essere la testimonianza dei ragazzi tesserati...


Ancora un mese, forse un mese e mezzo di speranza. Il Tour de France vuol sfruttare tutto il tempo a disposizione prima di decidere la sorte dell'edizione 2020. Secondo l'emittente belga RTBF, la tv di lingua francese, la dead line...


Venerdì 20 marzo la Usada (agenzia statunitense antidoping) ha comunicato la squalifica per 4 anni inflitta a John Gleaves, a decorrere dal 31 agosto 2019, data della sua posività a tre sostanze: clomifene e idrossi-clomifene (inibitori ormonali) e oxandrolone (steroide)....


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155