MONDIALI. E' D'ORO IL QUARTETTO AZZURRO FEMMINILE

PISTA | 15/08/2019 | 16:00

La prima medaglia che arriva dai Campionati Mondiali pista in corso di svolgimento a Francoforte è del metallo più prezioso. Splende l’oro conquistato dal quartetto rosa Camilla Alessio, Eleonora Gasparrini, Sofia Collinelli e Giorgia Catarzi nell’inseguimento a squadre vinto, dopo una gara combattuta, per soli 7 millesimi di secondo sulla Nuova Zelanda.

Le azzurrine, oro nella specialità ai recenti campionati Europei, confermano così il titolo dello scorso anno vinto in 4’28”398 e con un organico diverso, ad eccezione di Collinelli e Catarzi, avvalorano la scuola italiana in questa disciplina con una radice profonda e significativa già nelle giovani categorie. Non solo. Le azzurre migliorano il loro crono di oltre 2" dal tempo di qualifica.

Il torneo del quartetto rosa – Splende l’oro delle azzurrine

Con il miglior crono registrato in qualifica ieri dalle azzurre Camilla Alessio, Sofia Collinelli, Eleonora Gasparrini e Matilde Vitillo in 4’28”192, l’Italia scende, oggi, sul velodromo di Francoforte consapevole del proprio valore grazie anche agli oltre 8” che in qualifica le azzurre hanno inflitto alla Germania, la nazione sfidante al 1^round.

Il CT Salvoldi schiera Giorgia Catarzi al posto di Vittilio sapendo che il gruppo allargato è ben amalgamato. Nella sfida contro la Germania, che vale l’accesso per la finale oro-argento, le azzurrine arrivano quasi a doppiare le tedesche che frantumano il treno perdendo un’atleta. Volano così nella finalissima.

Già sulla carta la “corsa all’oro” Italia- Nuova Zelanda prometteva di essere veramente avvincente proprio per lo spessore di entrambe le Nazioni: in qualifica la Nuova Zelanda si è piazzata alle spalle dell’Italia per poco più di 1”. Così è stato.

Le azzurre Camilla Alessio, Eleonora Gasparrini, Sofia Collinelli e Giorgia Catarzi, sull’anello tedesco sprigionano tutta la loro forza. Agguerrite le avversarie, la conquista del titolo iridato è stato un vero capolavoro azzurro: 4’26”060 il crono dell’Italia contro i 4’26”067 della Nuova Zelanda, argento. Bronzo alla Gran Bretagna.

Ricordiamo la buona performance realizzata ieri dal quartetto azzurro uomini composto da Lorenzo Balestra, Alessio Bonelli, Nicolò Galli, Tommaso Gozzi e Mattia Pinazzi ha registrato ieri una Top Five da record italiano, segnato in 4’03”587. Titolo iridato alla Germania in 3’58”793, nuovo record del mondo di categoria.

 

Buona performance di Matteo Bianchi nel keirin. Trainini sfiora il podio nello scratch

Si è aperto oggi il torneo del Keirin. A difendere la Maglia Azzurra il giovane Matteo Bianchi che ha corso ai ripescaggi il 1^ round. Bravissimo l’azzurrino che nella sua batteria mette in fila gli avversari vincendo la prova e conquistando così il pass per i quarti di finale. Costretto ancora a correre ai ripescaggi per essersi piazzato quinto nella sua batteria ai quarti di finale, Matteo non si scoraggia e innesca il turbo. Purtroppo, nonostante la sua determinazione, non riesce a conquistare l’accesso alla semifinale.

Bravo comunque l’azzurro che già con il bronzo europeo nel Km e i suoi piazzamenti nelle altre prove veloci durante la rassegna continentale sta raccogliendo una buon bagaglio di esperienza per la sua crescita. In questi mondiali lo vedremo al via nel torneo Sprint Uomini che inizia domani e nel Km da fermo che si disputerà nella giornata conclusiva. Il titolo è stato vinto dal greco Livanos.

Tomas Trainini ha difeso i colori azzurri nello scratch maschile. Ventesimo il suo piazzamento dignitoso nella corsa che ha visto il dominio del danese Benjamin Hertz.

 

Domani, venerdì 16 agosto saranno assegnati 4 Titoli con questi azzurri al via:

Corsa a punti Uomini con Edoardo Zambanini, Inseguimento individuale con il campione europeo a crono nonché bronzo in linea, Andrea Piccolo Lorenzo Balestra; Omnium Donne con Eleonora Gasparrini e Sprint donne senza nessuna azzurra al via. Inizierà anche il torneo Sprint Uomini con Matteo Bianchi.

MEDAGLIERE AZZURRO

ORO INSEGUIMENTO A SQUADRE DONNE - Camilla Alessio, Giorgia Catarzi, Sofia Collinelli, Eleonora Gasparrini e Matilde Vitillo

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sidi presenta la nuova Fast, un concentrato di performance e tecnologia che garantisce le caratteristiche di rigidità, morbidezza e flessibilità dei prodotti dell’azienda trevigiana con una facilità di regolazione precisa e migliorata. Anche in questo nuovo modello sono state testate...


Non aveva ancora sulle spalle la maglia gialla quando Tadej Pogacar ha inviato al Comitato Organizzatore dei Campionati del mondo UCI 2020 di Imola - Emilia Romagna questo video, ma già aveva nel mirino la rassegna iridata che andrà in...


Archiviata anche la passerella finale degli Champs Elysées, è il momento di fare i conti: il Tour de France 2020 ha raggiunto quota 30 ritiri. Di 176 corridori partiti il 29 agosto, 146 hanno preso parte alla decisiva crono di ieri....


Tom Pidcock, vincitore quest'anno del Giro d'Italia Under 23, è il primo acquisto del Team Ineos Grenadiers per la prossima stagione. Lo anticipa il Telegraph spiegando che il giovane britannico è solo il primo tassello della rifondazione che Sir Dave...


  In 170 alla bella festa presso la sede della Misericordia di Carmignano per festeggiare gli 80 anni di Franco Bitossi, un grande campione del ciclismo nato in questo comune nella piccola borgata di Camaioni sulle rive del fiume Arno,...


Non è stato un sabato qualunque, ma un sabato alla grande, quello trascorso il 19 settembre da un gruppo d’amici, legati al ciclismo da eccellenti meriti personali con contorno di medaglie d’oro conquistate alle Olimpiadi, ai mondiali e ai campionati...


Che spettacolo il cross country del Campionato Italiano! Al Ciocco, in Garfagnana (Lucca), Eva Lechner (CS Esercito) è salita sul piedistallo ed è nuovamente la reginetta della mtb. Luca Braidot (CS Carabinieri) fa un bel bis...


L'ex campione del mondo di ciclismo su strada Joop Zoetemelk, 73 anni, che conquistò la maglia iridata nel 1985 mentre cinque anni prima aveva vinto il Tour, è stato investito da un'auto mentre andava in bicicletta nella regione metropolitana di...


La borsa sottosella è davvero utile e questo non lo dico solo nella veste di appassionato di gravel, infatti, mi è capitato diverse volte di montarla sulla bici da corsa per le uscite particolarmente lunghe. Nelle ultime settimane non ho...


Pogacar ha stupito tutti ma non se stesso. Dopo l’incredulità iniziale, il giovane sloveno, che domani compirà 22 anni, è rimasto con i piedi per terra e con calma sta metabolizzando la sua impresa."E’ tutto incredibile. Anche se fossi arrivato...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155