FANINI: «AMORE E VITA SONO LE PAROLE PIU' BELLE DEL MONDO»

NEWS | 20/04/2019 | 07:53

«La Vita è un dono sacro» afferma Ivano Fanini, tra l'altro anche fondatore e presidente della celeberrima squadra ciclistica Amore & Vita. In questa intervista che gentilmente ci ha rilasciato, ripercorre alcune tappe importanti della sua straordinaria carriera nel mondo del ciclismo.

Per quale ragione ha denominato la sua squadra ciclistica “Amore e Vita”?
«Fin dal giorno della fondazione, nel lontano 1948, la squadra (oggi la più vecchia e storica al mondo) si era sempre chiamata G.S. Fanini ma nel 1989, per la precisione nel corso della presentazione delle due squadre professionistiche che avevo all’epoca (Fanini – Pepsi e Fanini – Polli) che come consuetudine ogni anno facevamo in Vaticano, parlando con l’oggi Santo Giovanni Paolo II, ci venne l’idea di inserire sulle maglie un messaggio di sensibilizzazione sull’aborto. E così venne scritto “No All’Aborto” (sulla maglia della Fanini - Pepsi) e “DIO ti Ama” (su quella della Fanini - Polli). Però il messaggio di “No all’Aborto” scatenò una vera e propria rivoluzione con tanto di manifestanti femministe che tentarono di fermarci in Piazza Duomo a Milano alla partenza della gara Milano-Vignola, aggredendoci anche fisicamente con tanto di vernice spray sulle maglie dei nostri atleti e sulle ammiraglie, coprendo di rosso la scritta “No all’Aborto”. Da quell’evento in poi, sempre insieme a Papa Wojtyla, decidemmo di modificare il messaggio e di renderlo più globale e quindi nacque AMORE E VITA. Quest’anno è il 30° anniversario del messaggio. 30 anni consecutivi con queste splendide parole sulla nostra maglia con immenso orgoglio, parole che sono sempre state apprezzate e condivise anche dai nostri sponsor che accettavano il fatto di posizionarsi al di sotto di esse proprio perché che condividevano gli ideali. Proprio come stanno facendo dal 2018 la Prodir e la Premec, aziende Svizzere leader al mondo nella produzione di penne personalizzate, che con soddisfazione abbinano il proprio nome al messaggio di Amore e Vita, proprio perché, come dicevo pocanzi, il titolare Giorgio Pagani ne apprezza il valore. E speriamo che continui ad aiutarci anche in futuro, così da divulgare sempre di più il messaggio, come è stato fatto in questi 30 anni».

Quante volte san Giovanni Paolo II lo ha ricevuto in udienza con squadra ciclistica e lo staff dirigenziale?
«Ho avuto la grande fortuna ed il privilegio dei essere stato ricevuto prima da San Paolo VI. Quella fu la prima volta che incontravo personalmente un Papa. Poi con San Giovanni Paolo II è stato un rapporto davvero molto intenso e profondo, basti pensare che ci ha ricevuti per ben 25 anni consecutivi. E negli incontri presentavamo al Papa i nostri atleti, le maglie, mostravamo le nuove biciclette e ascoltavamo entusiasti i suoi preziosissimi consigli. Oltre ad essere il nostro Papa era un vero e proprio idolo per noi e anche chi non era un vero cattolico praticante, quando arrivava al suo cospetto sentiva inevitabilmente qualcosa cambiare dentro e dopo quell’esperienza non potevi essere più lo stesso. Lui riusciva a cambiarti in meglio. Poi era il socio onorario n. 1 della squadra e co-fondatore del messaggio, quindi puoi immaginare quanto stretto ed unico fosse davvero il nostro rapporto».

Cosa la spinge maggiormente a sostenere il dono della vita?
«La vita è un dono sacro. Il più prezioso che ogni essere umano possa avere e viverla rispettando i 10 Comandamenti di Dio sia la cosa più bella ed appagante del mondo».

Quali spiegazioni fornisce a coloro che tendono ad ostacolare la sua tesi antiabortista?
«Io dico soltanto che per me abortire equivale ad uccidere ed uccidere è peccato mortale. Lo giustificherei solo in casi davvero estremi, ovvero in caso di stupro o di feti con malformazioni o altri problemi di salute gravissimi, per tutto il resto, personalmente non lo posso accettare. Esistono tante precauzioni, quindi meglio pensarci prima che compiere un gesto così abominevole dopo. Comunque, per fortuna ad oggi gli aborti in Italia sono in netto calo e solo Svizzera e Germania hanno un tasso inferiore al nostro. Ciò significa due cose: che si fa più attenzione e scelte migliori e che ancora si può migliorare, facendo scendere ancora di più questa percentuale».

Cosa, invece, desidera raccomandare a coloro che vogliono interrompere una gravidanza?
«Gli direi che la pratica dell’aborto non è una cosa normale, dato che la Vita, lo ripeto, è il bene più prezioso che Dio ci ha donato.

Perchè ha scelto santa Gemma Galgani come protettrice della sua squadra ciclistica “Amore & Vita”?
«Perché è nata qui, vicino a noi e noi la sentiamo davvero vicina. E a chi non ha fede dico di andare a leggere la sua storia e di pregarla, perché lei esaudirà».

Come intende proseguire la sua lotta all'aborto attraverso il ciclismo?
«La lotta all’aborto attraverso il nome della nostra squadra continua comunque. Corriamo in tutto il mondo e veniamo apprezzati perché tutti conoscono la nostra storia ed i nostri ideali, non solo quelli contro l’aborto ma anche quelli contro il doping. Le parole Amore e Vita sono senza ombra di dubbio le più belle e significative al mondo e lo sono in qualunque lingua o credenza. Quindi speriamo che tutti le mettano in pratica».

da Toscana Oggi a firma di Carlo Pellegrini

Copyright © TBW
COMMENTI
Bellissime parole
20 aprile 2019 11:58 Libertas
Molto significativo ed importante ciò che dice Fanini. Condivido gli ideali del messaggio e la bellezza del significato. Grande Ivano!

se ci pensi è davvero così...
20 aprile 2019 13:17 pietrogiuliani
complimenti! E' vero, sono proprio le più belle parole al mondo!! l messaggio più importante di tutti!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

C’è anche una bicicletta nell’ufficio del ministro dell’Interno Matteo Salvini al Viminale. Aldilà delle convinzioni politiche di ognuno, è decisamente curioso il servizio che il Corriere della Sera propone su Sette a firma di Cesare Zapperi con le foto di...


Solo quest’anno ha vinto 11 corse, si è da poco laureato campione europeo a cronometro della categoria Juniores, si è messo al collo la medaglia di bronzo nella prova in linea del campionato continentale ed è campione italiano a cronometro...


Questa sera ore 19 torna l’appuntamento settimanale con Radiocorsa su Raisport HD, canale 57. In studio ci saranno Franco Bortuzzo e Beppe Conti che proporranno ampi servizi su Felice Gimondi, arricchite da tantissime immagini inedite. Ampio spazio naturalmente per le...


XC Eliminator Under 17 del Campionato Europeo giovanile di MountainBike al maschile completamente tinto d'azzurro, con quattro finalisti al via e trionfo del valdostano dell'Xco Project Filippo Agostinacchio. Al femminile s'impone la tedesca Sina Van Thiel... per leggere l'intero articolo...


Solo domani sapremo se Richard Carapaz potrà correre la Vuelta: l’ecuadoriano è stato vittima domenica scorsa di una caduta nella quale ha riportato una forte contusione alla spalla destra e numerose ferite. C’è una novità invece nella Ineos: il team...


John Degenkolb lascerà la Trek-Segafredo correrà nelle due prossime stagioni con la maglia della Lotto Soudal e firmò un accordo fino alla fine del 2021. Vincitore nel 2015 della Milano-San Remo e della Roubaix, il tedesco ha lottato a lungo...


In un mondo di predatori, dovrai tu stesso diventare selvaggio. #eurekaairdisc #becomesavage. Ecco la campagna marketing per la nuova Eureka Air disc 2020 di Guerciotti, che sarà svelata a Eurobike 2020.   Stay tuned!


Luis Angel Matè è sicuramente il corridore con più punti alla partenza della prossima Vuelta Espana. Lo spagnolo della COFIDIS si è appena ripreso dalla brutta caduta che lo ha visto protagonista tre settimane fa e riporta una vistosa cicatrice...


Arriva dall’Olan­da un nuovo allarme su una sostanza co­nosciuta già da qualche anno. A rilanciarlo è il quotidiano De Telegraaf a cui Peter van Eenoo, direttore del del DoCoLab di Gand, laboratorio affiliato alla Wada (agenzia antidoping mondiale), ha dichiarato...


Doppio impegno teutonico per l’UAE Team Emirates, in gara nell’appuntamento World Tour dell’EuroEyes Cyclassics Hamburg (25 agosto) e del Deutschland Tour (categoria 2.HC, dal 29 agosto all’1 settembre). Il traguardo di Amburgo è solitamente meta ambita dagli sprinter, motivo per...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy