L'ORA DEL PASTO. PATUI, IL CICLISTA LEGGERO

LIBRI | 30/01/2019 | 07:49
di Marco Pastonesi

In bici si va a scuola, al lavoro o al mercato, in gita, in vacanza o in viaggio, su strada, su pista o su sentieri, in salita, in discesa o in piano.


In bici si va da dio, si va che non si sente la catena, o si va succhiando la ruota, ma pur andando certe volte non si va da nessuna parte, non si va neanche a spinta, o non si va perché si ha il vento contro.


In bici si va per pedalare, per pensare o per tornare, per distrarsi, per sfogarsi o per sfinirsi, per risparmiare, per fuggire o per inseguirsi, anche per rimanere sul posto, nel senso della cyclette.

In bici si va con il casco e anche cascando, meglio se cascando con il casco.

Perché la bici, qualsiasi bici, due ruote due pedali una sella un manubrio, è noi stessi, io tu lei lui noi voi, denuncia il carattere, rivela la personalità, libera lo spirito, detta lo stile, ispira il futuro, traccia una traiettoria anche esistenziale.

Paolo Patui si dichiara un ciclista anomalo. Fin da piccolo: “Che l’abbia voluta o che me l’abbiano imposta come prova di iniziazione al mondo degli adulti, non lo so”. Con passione: “Quello che so è che non appena ci sono salito e ho imparato a starci dritto non ne volevo più sapere”. Con complicità: “Sulla bici ho portato ragazze – desiderate e indesiderate – a casa e a scuola”. Con convinzione: “La bici ti insegna a non mollare non solo quando sei sul percorso stradale, ma anche lungo il tuo percorso interiore, personale, esistenziale”.

E’ così che, per spiegarsi, raccontarsi, confidarsi, confessarsi, analizzarsi (è lui l’orso in bicicletta disegnato sulla copertina), Patui ha composto il “Decalogo semiserio di un ciclista anomalo” (Ediciclo, 132 pagine, 13 euro). Più idee che regole, più opinioni che comandamenti, più teorie che pratiche, più racconti che postulati. Se volete sprintare come Viviani, scalare come Nibali e frullare come Froome, questo libro non fa per voi. Ma se volete cercare di capire perché periodicamente sentite il richiamo della salita o perché improvvisamente provate il bisogno di lubrificare o lucidare, allora dateci dentro. Pedalando e leggendo. E continuando tranquillamente a lubrificare o lucidare.

Ecco i capitoli: 1) Hai litigato con la moglie? Prendi la bici e vai. 2) Non c’è asfalto che freni un ciclista. 3) Pensa a cosa mangi e a come ti vesti e saprai che ciclista sei. 4) Abbi pietà di loro perché anche tu sei stato e sarai un automobilista. 5) Non accompagnarti ai compagni sbagliati. 6) Sali e poi scendi (con eventuali cadute). 7) Non sorpassare invano. 8) Stoppa gli intoppi. 9) Non avrai altra bici (con elogio del tradimento). 10) Saluta e pedalerai meglio (con gratitudine finale).

Di ciclisti anomali è pieno il mondo. Patui ha il dono di prendersi con la dovuta leggerezza. Un po’ semiserio, un po’ semiallegro, un po’ semifreddo, un po’ semantico, un po’ semiotico, un po’ seminarista, un po’ seminatore.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La Drone Hopper Androni Giocattoli è pronta al debutto europeo. Dopo l'esordio stagionale alla Vuelta al Tachira in Venezuela domani la squadra farà il suo debutto in Spagna. Una coincidenza più che piacevole per il battesimo dell'azienda iberica Drone Hopper...


Marino Amadori è arrivato oggi a Botticino, nel Bresciano, nel quartier generale della Gallina Ecotek Lucchini Colosio. Una gradita e apprezzata visita quella del cittì della Nazionale Italiana Under 23 alla formazione Continental dove si è soffermato a parlare con...


Da oggi il pullman che collega Jesi ai comuni della Vallesina ha una fiancata colorata di rosa in onore dell’arrivo di tappa del Giro d’Italia, in programma il prossimo 17 maggio. L’iniziativa è promossa dall’amministrazione della città marchigiana in collaborazione...


La Ineos Grenadiers ha diramato questo pomeriggio un comunicato stampa che riassume le condizioni di Egan Bernal: «Dopo l'incidente di allenamento di ieri, Egan rimane in condizioni stabili in terapia intensiva dopo due interventi chirurgici riusciti. Egan ha riportato una...


Negli ultimi 10 anni sia i rider che le bici Canyon hanno raggiunto risultati eccezionali nel mondo delle gare gravity. A partire dalle vittorie nell'Enduro, seguite poi da quelle nel mondo del Downhill, l'azienda ha raggiunto un livello sempre più alto nelle...


Nessuna accusa per l’autista dell’autobus contro il quale si è scontrato Egan Bernal. La Polizia colombiana, dopo aver interrogato i vari testimoni, ha precisato che l’autista non ha violato il codice della strada e che è risultato negativo anche all’alcool...


Il nuovo ciclo computer GPS Rider S500 di Bryton è stato sviluppato con i feedback dei ciclisti professionisti e sfrutta un hardware efficiente ed elegante e un nitido schermo da 2, 4" per offrire all’utente nuove importanti funzionalità. I passi avanti con...


In seguito alla caduta occorsa alla Classica Comunitat Valenciana, Manuele Tarozzi è rientrato in Italia per sottoporsi a esami medici che hanno evidenziato la frattura al grande trocantere sinistro. La prima prognosi per lui è di 30 giorni di stop....


Una settimana di gare sull’isola di Mallorca attende la Bardiani CSF Faizanè. Saranno infatti 5 le prove, con il Trofeo Calvia ad aprire la challenge questo mercoledì 26 gennaio e il Trofeo Playa de Palma a concludere questa domenica. Percorsi misti...


Sono diciotto o forse diciassette, ma magari solo quindici. Mai come quest’anno è difficile racchiudere in una categoria precisa i neoprofessionisti italiani, ra­gazzi pronti a coronare il loro sogno di bambini compiendo un passo importante nella loro carriera. Ma andiamo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI