L'ORA DEL PASTO. IL MIO SANDRINO...

STORIA | 11/01/2019 | 07:32

Aveva la fama di essere un uomo rude, burbero, scorbutico. Il suo migliore amico, Ettore Milano, lo definiva affettuosamente “l’incrocio fra un orso e un cinghiale”, l’orso per le dimensioni, il cinghiale per la simpatia. Così, quando andai a trovarlo a casa - lui e Ettore erano stati gli angeli custodi di Fausto Coppi -, mi preparai al peggio. E feci bene.

Sandrino Carrea mi squadrò con sospetto, mi aprì il cancello con ritrosia, mi fece accomodare su una sedia di plastica sotto un generosissimo cachi, forse sperando che qualche frutto maturo mi cadesse in testa, e non per dimostrare, come accadde a Sir Isaac Newton, la legge di attrazione universale. Ma qualcosa del genere accadde: ci fu una sorta di attrazione personale, spirituale, esistenziale. Sandrino intuì la mia passione per i gregari, di cui lui era un campione, io capii la sua grandezza, da orso, e la sua resistenza, la sua adattabilità, la sua forza, da cinghiale. Diventammo, e lo dico con estremo orgoglio, e forse anche con un po’ di sfacciata presunzione, amici. Continuammo a vederci. Puntigliosamente, su un quaderno, lui datava e registrava le mie visite, elencando eventuali doni (bottiglie, fotografie, libri, articoli). Intanto, dalla sedia di plastica sotto il cachi ero stato promosso alla tavola della cucina su una sedia di legno e paglia.

Era impossibile non volere bene a Sandrino. Con la dovuta prudenza, tenendo le distanze, senza mai abbassare la guardia, come se la vita si disputasse su un ring, era impossibile non amarlo. Per la sua generosità, pari almeno a quella del cachi, per la sua semplicità, per la sua nascosta allegria. Mugugni, brontolii e imprecazioni si scioglievano in improvvise, sorprendenti, inattese risate zoologiche. Con il passare delle visite, apriva il suo cuore, allungava i suoi ricordi, allargava le sue confidenze. Finché, spesso, richiudeva la cassaforte delle memorie con un “d’altronde”, che lasciava ampi margini di immaginazione.

Sandrino e la guerra, la fame, il freddo, e quando tornò a casa ridotto a pelle e ossa, suo padre stentò a riconoscerlo. Sandrino e Coppi, il Fausto, un’amicizia che sconfinava nella devozione, nella dedizione, nella passione. Sandrino e la maglia gialla, che conquistò senza saperlo, era già tornato in albergo quando fu chiamato per tornare precipitosamente al traguardo, sul palco, sul podio, non se la godette perché se ne vergognava, a tavola non osava guardare in faccia il Fausto, temeva di averlo offeso, di non essere stato fedele ai patti di obbedienza e sottomissione, al compito di gregario, finché il Fausto gli dette una pacca su quelle spalle enormi da orso e ruvide da cinghiale, e ci rise su (ma la tappa successiva, con l’arrivo, inedito, sull’Alpe d’Huez, per essere certo di passare la maglia gialla a Coppi vincitore, Carrea frenò in salita). Sandrino e la Dama Bianca, un capitolo che non chiudeva con uno dei suoi “d’altronde”, ma con un definitivo “lasciamo perdere”. Sandrino e la Marina, Sandrino e il Faustino, come se fossero suoi figli. Sandrino e la messa del 2 gennaio a Castellania, in commemorazione della morte del Campionissimo, quando faceva il segno della forbice al prete invitandolo a tagliare con la predica. Sandrino e il Don Orione, tutte le mattine andava a recuperare frutta e verdura e le portava al Piccolo Cottolengo di Tortona. Sandrino e la stufa in cucina, che alimentava come se fosse la caldaia di una nave a vapore, tanto che, lì, a tavola, si respirava un microclima equatoriale. Sandrino e quel naso da pugile, quel naso da salita, quel naso da italiano in gita, colpa di un incidente, “d’altronde”. Sandrino e la Panda, bastava lui per riempirla, e non poteva esserci macchina più adatta per un mezzo orso, in via di estinzione, come lui.

Andrea – ma per tutti, proprio tutti, era Sandrino, l’unico diminutivo di una vita, di una esistenza, di una carriera maiuscole – Carrea è morto sei anni fa. Domenica, alle 10.30, il Comune di Cassano Spinola lo ricorderà con una corona al cimitero. La sua tomba, e non può essere un caso, è a pochi metri di vicinanza da quella di Costante Girardengo.

Copyright © TBW
COMMENTI
Bell'articolo
11 gennaio 2019 08:12 The rider
Non c'è bisogno di scrivere che Pastonesi sia MOLTO bravo, però secondo il mio parere è giusto dare a Cesare quel che è di Cesare, bravo Marco Pastonesi, questo articolo è bellissimo.
Pontimau.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Alejandro Valverde, il campione del mondo, ha voluto a tutti i costi essere presente alla Milano-Sanremo e sappiamo che non si schiera mai al via di una corsa per fare semplice atto di presenza: «Sono molto contento di essere qui,...


Vincenzo Nibali è al via della Sanremo con il numero 1 sulle spalle dopo la splendida impresa dello scorso anno: «Grande emozione, grande responsabilità e un sole che non vedevamo da tanti anni. Noi abbiamo diverse carte da giocare, io,...


Greg Van Avermaet ha le idee chiare: «Il punto chiave della Sanremo sarà il Poggio. La Cipressa è importante ma poi c'è il tempo di organizzarsi, mentre se c'è un attacco importante sul Poggio recuperare diventa difficile. Ed è lì...


Mai banale nelle risposte, Peter Sagan è laconico a pochi miuti dal via della Sanremo: «Come sto oggi? Dopo 250 chilometri di corsa capirò come va la gamba. La stagione fin qui poteva andare meglio ma anche peggio, però sono...


Fernando Gaviria ha un feeling particolare con la Sanremo, ha "rischiato" di vincerla alla sua prima partecipazione e crede nelle sue possibilità di successo: «Speriamo di avere la gamba giusta per vincere. Sono tranquillo perché ho lavorato bene quest'inverno. La...


Elia Viviani è sereno e sorridente alla partenza della Sanremo: «Dall'anno scorso, quando mi sono mancate le gambe in volata, aspetto questo momento. Ho fatto tutto il possibile per arrivarci al meglio, la Tirreno-Adriatico mi ha aiutato a perfezionare la...


Dopo un breve periodo di riposo, senza toccare la bici, Eva Lechner è pronta a rientrare alle competizioni. Lo farà domenica 24 marzo in Slovenia nella Grici XCO Vrtojba 2019, gara internazionale di mountain bike del calendario UCI in programma...


Trasferta elvetica per la squadra juniores della Energy Team diretta da Lavio Siviero e Fabio Dante. Domani, la formazione arancio-nera sarà al via della prima edizione del Gran Premio Ticino che si svolgerà a Malvaglia, nel comune svizzero di Serravalle....


Niccolò Bonifazio è l'uomo di casa della Sanremo, nato e cresciuto tra la Cipressa e il Poggio. «Arrivo a questa, che è la mia corsa del cuore, in grande condizione. Alla Parigi-Nizza ho lavorato bene, nonostante il vento che ha...


Wout Van Aert è alla sua prima Sanremo e si guarda attorno con aria stupita: «L'atmosfera è davvero fantastica, anche se confesso di non conoscere i dettagli di questa corsa. D'altra parte non si può fare la ricognizione di ogni...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy