MOSCON ATTACCA: TROPPI RIENTRI FAVORITI DALLE AUTO

PROFESSIONISTI | 16/07/2018 | 08:25

Gianni Moscon non le ha certo mandate a dire, al termine della tappa di ieri ed il suo pensiero è quello di un corridore Sky, squadra protagonista di una corsa d'attacco per cercare di mettere in difficoltà gli avversari oltre che proteggere il proprio leader.

«Mettono tanti settori di pavé per fare distacchi, poi non fanno il barrage e tutti rientrano dietro macchina nel finale. Allora possono fare a meno di inserire le pietre e rischiamo meno la vita. La classifica rimane uguale e non ci sono problemi. Noi abbiamo rotto il gruppo, e poi all’ultimo chilometro abbiamo visto rientrare tutti. Da un minuto di ritardo mi sembra improbabile che si riesca a chiudere, davanti non c’erano dei corridori qualunque. Se quando ci sono distacchi si fa in modo che rientrino tutti… che cosa corriamo a fare?».

Il riferimento, in particolare, sembra diretto al gruppo di Bardet e di Landa: visto in tv, l'ultimo cronometraggio a due-tre chilometri dal traguardo attribuiva al loro gruppetto un ritardo di 39 secondi e poi sul traguardo li abbiamo trovati a sette secondi, praticamente in scia al plotoncino di Froome e compagni, tanto è vero che i cronisti di molte emittenti televisive sono rimasti sorpresi dal loro arrivo e qualcuno li abbia anche attesi dandoli per... disperi fino a quando non è apparso l'ordine d'arrivo ufficioso e poi ufficiale sul sito del Tour de France.

Sappiamo bene che le sovraimpressioni tv non sono precise, che i dati possono variare di qualche secondo in virtù del posizionamento esatto della moto con il gps, ma la differenza di dati nel finale di ieri è parsa davvero molto rilevante. E quindi sospetta.

Copyright © TBW
COMMENTI
ricordi ?
16 luglio 2018 12:14 ERIO
caro Moscon, ti ricordi quando il tuo capitano un anno fa correva piedi in salita e i distacchi vennero annullati ? o in altra occasione caduta degli Sky e altro neutralizzazione ? solo a voi e' tutto permesso, compreso inalazioni varie ?

Moscon ha ragione!!!!! Bardet spero arrivi fuori dai 10
16 luglio 2018 12:26 andrearug
Con Daniel Martin il giorno prima hanno fatto fermare le ammiraglie quando mancavno circa 5 km e lui era a 25 secondi dal gruppo così è arrivato a più di un minuto invece a Bardet niente fermo ammiraglie e niente penalizzazione per scia come data a Dumoulin...diciamo che la giuria fa come gli pare Moscon ha perfettamente ragione

Concordo con entrambi
16 luglio 2018 13:00 mdesanctis
Gli Sky sono gli ultimi che dovrebbero lamentarsi, visti i continui favori ricevuti in questi anni. proprio a cominciare dalla corsa a piedi di Froome, quando il regolamento dice chiaramente che il corridore deve fermarsi ad aspettare l'ammiraglia (lui corse per alcune centinaia di metri...) Poi c'è il solito campanilismo dei francesi. Chiudiamo un occhio sugli arrivi in discesa di questi anni per favorire Bardet, ma ieri i suoi rientri sono stati vergognosi.
mdesanctis

Motorino o potenza
16 luglio 2018 14:31 SERMONETAN
Tutto ammesso,vedi anche tutti i corridori fermi per caduta,il possessore della maglia a pois alza la bici e la ruota gira,qualcuno sa darmi una spiegazione,notate che era già in piedi la bici come la alza .....

guardare prima di giudicare
16 luglio 2018 14:40 excalibur
sermonetan, la spiegazione è semplice e arriva da un altro video che circola sui social, ripreso dalla telecamera sulla bici di un altro corridore: si vede chiaramente Skujins che rimette a posto la catena e con un colpo di pedale controlla che tutto funzioni mentre rimette in strada la bici. dove c'è da denunciare facciamolo, dove ci sono solo stupidate e sassi lanciati nello stagno nascondendo la mano, allora lasciamo perdere.

Veda piuttosto di darsi una svegliata
16 luglio 2018 15:15 pickett
Mi pare che in questa stagione stia facendo registrare un regresso pauroso rispetto allo scorso anno.E anche in questo Tour mi sembra il + opaco di tutta la Sky.Temo stia ripetendo passo passo la carriera del suo conterraneo Moreno Moser.

Moscon...da che pulpito...
16 luglio 2018 17:06 Giors
Ma detto da Moscon fa ridere la cosa, lui che al mondiale non ha preso la scia ma si è direttamente attaccato alla macchina...

mdesanctis sicuro che il regolamente vieti di andare a piedi? allora Gilbert al fiandre 2017, Rosa ai paesi Baschi 2016, ecc...sarebbero stati tutti da squalificare per aver tagliato a piedi il traguardo?
Centinaia di metri sono un po' eccessivi, non ricordo che abbia corso così tanto ma solo qualche secondo

excalibur Ma che filmato
16 luglio 2018 20:04 9colli
Ma che filmato hai visto? LA RUOTA GIRA TALMENTE FORTE CHE COME TOCCA LA BICI DEL CORRIDORE DELLA KATIUSCIA LA BUTTA IN TERRA..............MA FATEMI IL PIACERE !!!

lamentele
16 luglio 2018 20:36 benvegnuleonildo
invece di lamentarsi finisca una tappa in modo decente,
non prendere puntualmente 10 minuti negli ultimi 30 km.

9colli, calma
16 luglio 2018 20:50 excalibur
non serve fare il ganassa con maiuscole e parole urlate. vai sul sito di velon e guardi quello che c'è, se poi continuerai a pensarla allo stesso modo contento te, io stanotte dormo lo stesso, anche perché non sono cugino di skujins, non dirigo il tour e neanche vado in giro con il libro della verità assoluta sotto il braccio.

Skuijns
16 luglio 2018 21:42 noodles
Sì è vero. C'è un altro filmato che mostra chiaramente che le pedivelle sono spinte dal corridore. Restando all'argomento però, se volete davvero vedere una cosa mooooolto sospetta, cercate qualche video del Campionato italiano . Non sono un ingegnere, ma io credo che la cosa sia stranamente passata sotto silenzio...

@giors
16 luglio 2018 22:34 bertu
Il regolamento vieta di andare a piedi SENZA bicicletta, ciò che fece Froome.
Dispiace vedere che molti appassionati non conoscono le regole del gioco...
Alberto Vico

excalibur
16 luglio 2018 22:57 9colli
Contento Te contenti tutti ........ma le favole le raccontavo a mia figlia quando eri piccolina.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Come un videogame: ci si fa incuriosire dall'amico che gioca, si scarica l'app, si fa qualche partita per provare, tanto cosa vuoi che mi interessi e poi si finisce per non smettere più e farsi travolgere dalla passione. Silvano Rodella...


«Ve l’avevo detto!»: così ha urlato sulle colonne di Ekstrabladet.dk, dove tiene una rubrica periodica, Michael Rasmussen. A scatenare la rabbia dell’ex corridore danese sono stati i risultati di una ricerca presentata da Nikolai Baastrup Nordsborg, ricercatore presso il Dipartimento...


La serata di Milano ha visto brillare un parterre di stelle dello sport riunite in occasione della terza edizione dei Beat Yesterday Awards, i premi istituiti da Garmin Italia per celebrare chi ha fatto dello sport la propria sfida quotidiana,...


Una sfida nuova, un modo per restare attivi anche durante la stagione invernale: stiamo parlando di Losa Challenge Triathlon Indoor Competition, una gara che andrà in scena il 2 febbraio 2019 propronendo 750 metri di...


Ancora pochi giorni per la chiusura dell’asta benefica “Regala un sogno” che ogni anno delizia gli amanti del ciclismo e non solo fino alle vacanze di Natale con oggetti prestigiosi provenienti da più di 100 campioni e campionesse del pedale. L’asta,...


Il team ciclocrossistico Selle Italia – Guerciotti – Elite domenica 16 dicembre sarà agonisticamente impegnato su due fronti: l’elite Gioele Bertolini e l’under 23 Jakob Dorigoni disputeranno la prova Superprestige di Zonhoven, in Belgio, mentre la under 23 Francesca Baroni,...


Chi ama lo sport non si ferma mai, a meno che fuori non faccia veramente freddo! Giusto? Questo  non vale però per i ciclisti, veri sportivi sempre pronti a confrontarsi anche con le situazioni climatiche più avverse. SIXS vi sta vicino...


Si è svolta mercoledì 5 dicembre nella tradizionale sede del ristorante Casa dei Bardi dello sportivissimo Sandro presso il centro commerciale Pianella di Cavriago l'annuale appuntamento in cui la Ciclistica Cavriago di Reggio Emilia presieduta da Campani Eliseo si raduna...


Secondo importante acquisto del  team Aromitalia - Basso Bikes - Vaiano in vista della stagione agonistica 2019. L’U.C.I. Women’s Team toscano, che fa capo al vulcanico presidente Stefano Giugni, ha ingaggiato la talentuosa atleta toscana Gemma Sernissi, che debutterà nella...


A Bisceglie sta prendendo forma l’organizzazione della Coppa Città di Bisceglie-Memorial Peppino Preziosa a cura della Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro in programma domenica 16 dicembre. Con una ventina di edizioni alle spalle, la manifestazione ha acquistato importanza in campo regionale...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy