DE MARCHI. «VINCO AL TOUR E BRINDO COL MIO VINO»

PROFESSIONISTI | 14/06/2017 | 12:37

Lui è l’uomo in fuga. Anzi, il rosso (di Buja) in fuga. Perché parte, cerca l’avventura, spesso lascia il segno. Ora Alessandro De Marchi prova un’altra fuga: pensare a costruire il suo futuro partendo da due capisaldi: la bici e il suo Friuli. Stasera l Belvedere di Buja presenterà l’etichetta di vino e il logo “Il rosso di Buja”, prima parte di un progetto ambizioso.

Hai solo 31 anni, pensi già al dopo-carriera?
«Certo, ma spero di dover scrivere ancora le imprese più belle nella mia carriera».

Da cosa nasce il progetto?
«Dall’amore per il mio Friuli e per la bicicletta. Ho conosciuto i Comelli di Nimis e grazie a loro la grafica Lucia Zamolo: è nata l’idea di fare un logo per il rosso di Buja e un’etichetta per il Cabernet franc dei Comelli. Non si poteva che scegliere un vino rosso».

Molti tuoi colleghi, non per forza campioni, si trasferiscono a Lugano o Montecarlo. Per allenarsi e pagare meno tasse, tu scegli il Friuli...
«Un giorno una mia cara amica scrisse sul mio sito web questa frase: “Un uomo senza la sua terra è un uomo senza cuore”. Può benissimo riassumere questo progetto».

Ma quale è il tuo rapporto col vino? Lo bevi?
«Assolutamente sì, il bicchiere di vino cucinando prima di cena con mia moglie Anna è un must, ci raccontiamo la giornata e ci rilassiamo».

Nel futuro: vino e poi?
«Ciclismo. Non credo farò il direttore sportivo o qualcosa del genere. Spero di continuare a correre in bici, magari per portare i turisti in giro per il mio Friuli a conoscere meglio questo splendido territorio. Chissà che da un’etichetta sulle bottiglie presto si arrivi a questo».

Idee nate in bici?
«Ovvio. Quando mi alleno penso, progetto, ragiono... e naturalmente fatico. In gara no, è decisamente più difficile».

In fuga poi ancora peggio. A quando la prossima?
«Spero al Campionato italiano in Piemonte fra due domeniche. È uno dei miei obiettivi della stagione».

Brindare col cabernet in maglia tricolore non sarebbe male...
«Beh, indossare il tricolore sarebbe un sogno. Ci proverò, tre giorni prima correrò anche la crono per rifinire la forma. Al Tour de France farò di tutto per provarci ancora. Dopo il Delfinato credo di arrivarci con la forma giusta».

Un anno fa la Bmc ti lasciò a casa...
«E mi infuriai. Quest’anno è diverso. Sarò uno dei fedelissimi di Richie Porte, uno dei favoriti. Sta andando forte, sono orgoglioso di poterlo aiutare. Se poi avrò le mie possibilità tenterò le fughe. Il Tour mi manca, nel 2014 ho vinto il premio della combattività: voglio capire se è davvero la mia corsa».

Poi?
«Vuelta e, se starò bene, spero il Mondiale, magari anche la cronosquadre con la mia Bmc dove al 90% resterò anche nel 2018».

Ma è proprio vero che il ciclismo italiano è in crisi?
«Aru, Trentin, Ulissi: vedrete al Tour. Oggi il ciclismo è globalizzato: impensabile vincere a raffica come vent’anni fa».

Allenamento di rifinitura pre-Tour?
«Un giro massacrante sulle salite della Carnia: per me è un classico».

Sei un idolo per Matteo Fabbro: al Giro under 23 gli sono andate in frantumi spalla e speranze rosa.
«Sorridi Matteo, sei un grande, sorridi e tornerai presto più forte di prima».

di Antonio Simeoli, dal Messaggero Veneto
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Si preannuncia un finale emozionante, da correre sul filo di lana per eleggere la squadra Campione d’Italia 2019. La Ciclismo Cup è arrivata alla dodicesima prova, dopo Giro di Toscana e Coppa Sabatini, e sta andando in scena un testa...


Parla rumeno la seconda tappa del Giro di Slovacchia grazie a Eduard-Michael Grosu. Il portacolori della Delko Marseille Provencesi è imposto sul traguardo di Ruzomberok precedendo nell'ordine il belga Lampaer ed il francese Demare. Prorpio Lampaert si consola comunque strappando...


Alberto Bettiol era uno dei corridori più attesi oggi alal Coppa Sabatini, soprattutto in chiave mondiale. Il toscano, vincitore quest'anno del Giro delle Fiandre, racconta così sui social la sua giornata: «Correre con la maglia azzurra è sempre una grande...


Bellissima notizia per tutta la Arvedi cycling: Attilio Viviani è stato promosso tra i professionisti, l'anno prossimo correrà con la maglia della Cofidis, solutions crédits, a fianco del fratello Elia. Un salto di categoria più che meritato, dopo le vittorie...


Nel segno del tricolore si è aperta la seconda edizione Giro delle Marche in Rosa sulle strade dell’entroterra marchigiano a San Severino Marche: a segno l’ex campionessa d’Italia Marta Cavalli (Valcar Pbm) sulla compagna di fuga Soraya Paladin (Alè Cipollini...


Hanno portato due piazzamenti nella top ten le due corse in Toscana di questa metà settimana per l’Androni Giocattoli Sidermec. Il protagonista per i campioni d’Italia è stato Andrea Vendrame (che è tra i preselezionati dal commissario tecnico Cassani per...


È un Alexey Lutsenko che manda a tutti un segnale importante in vista del mondiale, quello che ha dominato oggi la Coppa Sabatini a Peccioli: «Dopo il secondo posto della Coppa Agostoni, inseguivo un risultato importante in queste gare italiane...


Un grande numero, una vera impresa, una fuga vincente di 73 km quella firmata da Alexey Lutsenko sulle strade della 67esima Coppa Sabatini - Gran Premio Peccioli. Il campione del Kazakhistan è entrato nella fuga del mattino scatatta al km 20...


Si annuncia una puntata davvero ricca, quella di Radiocorsa in onda questa sera alle 19 su RaisportHD. Si parlerà del caso di Fabio Aru con Beppe Saronni, del futuro di Vincenzo Nibali alla Trek Segafredo con Luca Guercilena e della...


È stata presentata oggi presso la Sala Stampa della Regione Piemonte in Piazza Castello a Torino la 103esima edizione del GranPiemonte NamedSport. La corsa organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport in collaborazione con la Regione Piemonte è in programma giovedì...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy