IL CAPPELLINO DELLA ROUBAIX. PARLA L'AVVOCATO DELLA DONNA: «TUTTA COLPA DI UN POMERIGGIO... ALCOOLICO»

NEWS | 10/04/2024 | 18:21
di tuttobiciweb

«Tutta colpa di un pomeriggio trascorso a bere alcolici in attesa del passaggio della corsa, è stato un gesto sfortunato e non voluto»: sono le parole dell'avvocato difensore della donna belga, della quale ovviamente non è stato rivelato il nome, in risposta alle domande di giornalisti di Het Nieuwsblad.


La donna è stata immortalata dalle immagini mentre lanciava un cappellino bianco e blu al passaggio di Mathieu Van der Poel in un settore di pavé a 42 chilometri dal traguardo di Roubaix, un cappellino che sembrava diretto verso la ruota posteriore del campione del mondo e che, se si fosse infilato tra i raggi, avrebbe potuto creare guai seri.


La donna era in un settore riservato ai vip, ospite di una azienda che resta anonima, gestito dall'agenzia Eventor. «Le altre persone presenti ci hanno detto che la donna si sarebbe costituita - ha detto Olivier Orlans di Eventor -: se il suo gesto fosse intenzionale, lo troveremmo scandaloso. Ma tutti hanno diritto al beneficio del dubbio: tocca alla donna in questione raccontare la sua storia».

La donna, sempre secondo il suo avvocato, ha detto di voler contattare i vertici dell'UNCP - il sindacato dei corridori francesi che, con il CPA, ha presentato denuncia presso la Gendarmerie - per chiarire l'accaduto, aggiungendo che non ha mai avuto intenzione di mettere in pericolo alcun corridore.

Copyright © TBW
COMMENTI
Troppo comodo
10 aprile 2024 20:50 Ale1960
Nessuna attenuante. Come detto ieri, bisogna dare un segnale. Nella giusta misura serve una condanna esemplare.

Come volevasi dimostrare
11 aprile 2024 00:50 pickett
Il cappellino é semplicemente sfuggito di mano alla signora,non c'é stato alcun "lancio",come del resto era chiaro per chi abbia un briciolo di sale in zucca e abbia analizzato attentamente il filmato.Nessuno si é fatto male,e la condanna esemplare andrebbe comminata a quegli stupidi di commentatori francesi e belgi che hanno montato un "caso" inesistente.Nota di biasimo anche a Tuttobici,che si ostina a parlare di "lancio del cappellino",quando il filmato mostra chiaramente che non c'é stato nessun lancio.

Premettendo
11 aprile 2024 06:02 kristi
Che non ho buttato tempo a vivisezionare le immagini del "lancio" vorrei riflettere sul perché proprio VdP campione sempre sorridente e solare , gentile coi fans venga così bersagliato da questi tifosi . E NO la SCUSA dell essere ubriachi proprio non regge , ma cosa è un adolescente pescata a rubacchiare ? Queste pseudo scuse tardive servono solo al suo avvocato per cercare di evitare una multa salata .
I tifosi del ciclismo sono sempre stati super corretti verso tutti ( nella mia personale esperienza) ma devo dire che da qualche anno , la "platea" ha subito troppi ingressi di personaggi improbabili , a caccia di riprese TV con addosso improbabili costumi , imbottiti di alcool ( come minimo) e sempre più irrispettosi sia verso i corridori che verso i compagni di tifo . Boh

@picket
11 aprile 2024 09:49 Frank46
Come volevasi dimostrare?
Il fatto che chi viene accusato dica che non l' ha fatto a posta è la dimostrazione che non l' ha fatto a posta.

La volontarietà o meno è del tutto indimostrabile, non so perché la dai per scontata la tesi che gli sia caduto, è solo una tua sensazione, non è nulla di oggettivo.
Essendo impossibile capirlo alla fine finirà a tarallucci e vino.

Come ho detto ieri se in macchina commetti un infrazione per una distrazione ti becchi una multa.

La signora non è stata attenta e ha rischiato di fare cadere un corridore e si dovrebbe beccare qualche sanzione, altrimenti si dà un segnale sbagliato al pubblico.

Il segnale giusto deve essere: cercate di fare attenzione al passaggio dei corridori.
Invece qui il segnale sembra:
Se state ubriachi e su di giri e non riuscite a controllare bene i movimenti del vostro corpo non preoccupatevi. Tanto nel peggiore dei casi se fate cadere qualcuno lo sappiamo che non lo fate a posta.
Pazienza se nel peggiore dei casi un corridore deve pregiudicare mesi di duri allenamenti o molto peggio e se la squadra ci potrebbe rimettere milioni di euro.
Tanto non lo fate mica a posta.

Non diciamo
11 aprile 2024 14:57 Bicio2702
bischerate. La tipa, sotto alcol o no, ha volutamente lanciato l'oggetto per danneggiare il corridore. Punto.
C'è stata una formale denuncia nei suoi confronti e deve essere giudicata e condannata in quanto colpevole del gesto.
Ammenda o qualsia cosa sia, il messaggio va dato forte e chiaro per il futuro in sicurezza.

Si esagera
12 aprile 2024 08:09 mirvisi
Tutti a dare contro alla donna lanciatrice di cappellini, ma vi pare possibile che un cappellino che si infila tra i raggi di una bici a 45, 50 all'ora possa creare problemi?
Capisco dalla parte dx se si infilasse nel cambio, ma da sx... Insomma riflettiamoci un attimo

Cappellino
12 aprile 2024 17:01 Alverman
Esattamente lanciato alla sx praticamente non crea nessun problema,diversamente se finisce nel cambio.Poi condannare il gesto sicuramente.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Perché la bicicletta va veloce ma mai di fretta. Perché la bicicletta è più libera di quel che ci si aspetta. Perché la bicicletta è forte e ti porta fin sulla vetta. Perché la bicicletta è umana, democratica, sostenibile e...


Uno scricchiolio, l'implosione improvvisa e tanta paura. Si è sfiorata la tragedia domenica sera a Oropa. La gigantesca bicicletta realizzata dall'artista Ivano Munarin è crollata su sé stessa travolgendo le persone che satavo posando per una foto ricordo. Tra loro...


Si conoscono i percorsi dei Campionati Italiani a cronometro organizzati dall’Unione Ciclistica Larcianese in programma a Grosseto il 19 e 20 giugno. Partenza ed arrivo in Viale della Repubblica e percorso interamente pianeggiante che tocca le zone di Principina a...


Tadej Pogačar ha vinto il Giro d’Italia ma ha stravinto anche il FantaGiro d’Italia. Il progetto lanciato da RCS Sport, a fronte di una poderosa promozione, ha riscosso notevole interesse, sfiorando gli 80 mila utenti iscritti e le 108 mila...


Il 16 giugno si avvicina e se molti di voi hanno messo nel mirino la quinta edizione della BERGHEM#molamia, sappiate che la presentazione ufficiale della manifestazione è stata fissata per venerdì 31 maggio alle ore 20:30 al Neuchatel 1928 di...


La bici con le sue emozioni e i suoi colori ha trasportato anche quest’anno gli istituti primari del comprensorio spoletino in occasione di “Pedalando nei Sogni: Bambini e Bicicletta…un Amore Infinito”. La seconda edizione del concorso di disegno tematico, promosso...


Il demone in bicicletta è un insegnante di Storia e Filosofia con la passione (necessità?, bisogno?, urgenza?, istinto?, ispirazione?) dello scrivere. Saggi, critiche, memorie. All’anagrafe risulta Luigi Antonio Pedretti, in copertina compare Pierluigi Pedretti, lui si firma Luigi Pedretti. Uno...


Pedalare è il modo migliore per scoprire le bellezze del nostro Paese e la Romagna è una delle zone che per prime ha creduto nel cicloturismo. In questo meraviglioso angolo d'Italia Ciao Bellezza ha selezionato l'Hotel Il Villino, che troneggia...


Dopo il Giro della Bolghera, salta anche il Trofeo Degasperi. Il ciclismo trentino ha perso le sue due grandi classiche nella stagione 2024, con la viva speranza di poterle riabbracciare nel 2025. Se a mettere in difficoltà la Bolghera sono...


JonnyMole, studio internazionale di design e comunicazione con sede a Cittadella (Padova),  ha celebrato il suo 25º anniversario lo scorso giovedì 23 maggio 2024, in occasione della tappa padovana del Giro d’Italia. Punto di riferimento per il design del settore ciclistico, Jonny...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi