MONDIALE GRAVEL 2023, ASIAGO E' IN PRIMA FILA

FUORISTRADA | 08/04/2023 | 08:02
di Eros Maccioni

Il campionato del mondo di ciclismo Gravel, decollato l'anno scorso a Vicenza, fa prove d'atterraggio sull'Altopiano dei Sette Comuni. Asiago e il territorio circostante rappresentano la destinazione più probabile della seconda rassegna iridata di questa specialità del pedale, che porta le bici da corsa sugli sterrati (previo qualche ritocco nell'assetto) e ha reclutato schiere di proseliti ad ogni latitudine.


L'organizzazione è in capo alla PP Sport Events, la struttura creata e diretta dal'ex professionista Filippo Pozzato. Dopo la prima edizione in assoluto, andata in scena l'8 e 9 ottobre scorsi fra Vicenza e Cittadella e contesa da corridori come Sagan, Van der Poel e Van Avermaet, l'ipotesi più probabile è dunque quella di una replica tutta vicentina.


A sei mesi all'appuntamento Pozzato può contare sul sostegno finanziario della Regione Veneto e spera che anche dai Comuni dell'Altopiano, Asiago in primis, arrivino segnali di interesse concreto.

"Ci sarebbero località alternative, ma io sto facendo di tutto perché il mondiale si tenga ad Asiago – afferma Filippo Pozzato -. E' un comprensorio meraviglioso, con infinite possibilità per quanto riguarda i percorsi, e poi per me sarebbe un po' come giocare in casa. L'anno scorso il mondiale Gravel è stato seguito da tre milioni di telespettatori e 70 mila tifosi lungo il percorso. Ha rappresentato un grande volano economico sul territorio, con un indotto calcolato in oltre 5,2 milioni di euro. Ci sono stati 600 concorrenti, arrivati da 37 Paesi assieme ai familiari, quasi tutti hanno soggiornato nella zona per quel fine settimana. Gli alberghi nel raggio di decine di chilometri da Vicenza e Cittadella avevano il tutto esaurito. Ad Asiago i numeri sarebbero ancora maggiori – prosegue Pozzato - perché quella del 2023 sarà la seconda edizione e l'appuntamento è ancora più sentito dagli atleti, dai team e dal pubblico. Spero che l'Altopiano colga questa grande opportunità, che non so quando ricapiterà da queste parti".

Il campione del mondo in carica è il belga Gianni Vermeersch, della Alpecin Deceuninck. Dopo 190 chilometri, un po' troppo scorrevoli secondo alcuni, ha preceduto l'azzurro Daniel Oss e l'acclamatissimo olandese Mathieu Van der Poel. Nella gara femminile (166 chilometri) la fuoriclasse francese Pauline Ferrand-Prèvot non ha avuto rivali. Con lei sul podio la svizzera Frei e l'italiana Teocchi.

da Il Giornale di Vicenza

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
È un dominio assoluto e indiscutibile, quello della UAE Emirates al Giro di Svizzera. La quinta tappa ha portato la carovana da Ambrì a  Carì per 148, 6 km e in vetta alla salita conclusiva - davvero spettacolare - Adam...


Dopo la tripletta al Giro d’Italia, Tim Merlier torna alla vittoria sulle strade di casa: il velocista della Soudal Quick Step ha vinto infatti allo sprint la seconda tappa del Giro del Belgio. Sul traguardo della Merelbeke - Knokke Heist...


Le ragioni per cui si desidera una e-road sono tante. C’è chi la sceglie per conquistare salite altrimenti troppo impegnative, chi per esplorare percorsi lontano da casa, o chi per pedalare insieme agli amici più allenati. Qualunque sia la motivazione,...


Il conto alla rovescia per la quinta edizione della BERGHEM#molamia è cominciato. Domenica 16 giugno 2024 a Gazzaniga (Bergamo) sono attesi i 1647 ciclisti iscritti e che rappresentano un vero record per la manifestazione. Tra gli ospiti illustri annunciati dall’organizzazione...


Volata doveva essere e volata è stata a Cremona al Giro Next Gen 2024. Steffen De Schuyteneer (Lotto Dstny) si è aggiudicato la quinta tappa, saltando e battendo di pochi centimetri Tim Torn Teutenberg (Lidl-Trek), ancora secondo dopo la frazione di...


Ancora una volata serrata sulle strade del Giro di Slovenia: la seconda tappa - la Žalec-Rogaška Slatina di 177, 9 km - ha visto il successo del tedesco Phil Bauhaus che ha preceduto di pochi centimetri Alberto Dainese. Proprio le...


Amanuel Ghebreigzabhier si è laureato campione eritreo a cronometro per il secondo anno di fila. Il corridore di Asmara della Lidl Trek ha fatto segnare il miglior tempo sui 32 chilometri anticipando Henok Mulubrhan, della Astana Qazaqstan e Biniam Girmay...


A poco più di 40 giorni dall'appuntamento olimpico di Parig 2024 arrivano le prime convocazioni ufficilali. La Colombia ha deciso di affidare la maglia della nazionale a Dani Martinez ed Egan Bernal, compagni di squadra nella Ineos Grenadiers. Martinez, secondo...


La condizione di Tadej Pogacar in vista del Tour de France che lo aspetta, secondo il suo diesse in casa UAE Matxin. E poi, cosa pensano Gianni Motta, GB Baronchelli e Paolo Savoldelli dei due avversari più attesi alla...


È stata una giornata davvero sfortunata, quella di ieri per la EF Education Easypost: Richard Carapaz e Alberto Bettiol non saranno oggi al via della tappa 5 del Tour de Suisse a causa delle lesioni riportate nelle cadute che li...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi