LEFEVERE SI GODE LA MAGLIA IRIDATA E... CONSOLA IL BELGIO

MONDIALI | 27/09/2021 | 12:47
di Francesca Monzone

Il Belgio del ciclismo non è riuscito a vincere la gara regina al Mondiale di casa. Mentre Alaphilippe da solo si dirigeva verso il traguardo, il pubblico terrorizzato da quella velocità, supplicava il francese di rallentare, per cambiare il destino del Mondiale e avere Van Aert o un qualunque altro belga sul gradino più alto del podio.


Così non è stato, Alaphilippe ha vinto il suo secondo titolo e per altri 12 mesi sarà lui a vestire la maglia bianca con l’arcobaleno sul petto. Ma se il Belgio è deluso, a sistemare la questione a suo modo, ci ha pensato Patrick Lefevre, che alla vigilia della corsa ero certo di portare nella sua Deceuninck-Quick Step la maglia iridata. Le possibilità che questo si realizzasse erano diverse, perché il team di Lefevre si è presentato al via della corsa come una delle squadre più rappresentate nelle singole nazionali.


Tutti sanno che a Lefevre non piace perdere e la sua è una delle squadre più forti del World Tour. Le polemiche dei giorni scorsi sono state tante, prima con Evenepoel e poi con Senechal, ma se guardiamo la corsa di ieri, è stata ancora una volta la Deceuninck a dettare legge, con ben cinque corridori nel gruppo di testa finale composto da diciassette uomini. Evidentemente, la squadra di Lefevere ha così lasciato un segno molto importante in questo Mondiale e il risultato è poi arrivato da solo. Ma c’era un Belgio triste, perché non aveva vinto nessuno dei suoi uomini, tutti forti, tutti possibili capitani e un favorito su tutti, ma il risultato non è arrivato e sul Paese è sceso il silenzio. Allora a trovare la giusta soluzione a questi momenti così drammatici, è stato nuovamente Lefevre, che con il sorriso ha ringraziato la nazionale belga per aver fatto vincere la Francia con Julian Alaphilippe, ricordando a tutti che il suo corridore, anche se francese corre per una squadra belga, la più amata e apprezzata in tutto il Paese. Così il numero uno della Deceuninck ha addolcito la pillola ai suoi connazionali, che per i prossimi 12 mesi potranno gioire per avere ancora una volta il Campione del Mondo in una squadra di casa.

Copyright © TBW
COMMENTI
ma
27 settembre 2021 19:10 Line
quanti campionati del mondo ha vinto questo gruppo, complimenti visto che i corridori alle nazionali, fino al giorno delle convocazioni sono seguiti dai team di appartenenza

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La Scuola Tecnici della Federazione Ciclistica Italiana, in collaborazione con l’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani e la Lega Ciclismo Professionistico, organizza un incontro formativo, rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e alle atlete che nel 2023 entreranno, per la prima volta, a...


Una serata con due glorie del ciclismo bresciano che hanno alimentato entusiasmi a cavallo degli anni ’60 e ‘70 a raccontare e raccontarsi al pubblico di fans attraverso episodi e aneddoti biografici inediti o poco conosciuti al grande pubblico. Venerdì...


Chi pratica ciclismo e si allena duramente anche in inverno lo sa bene, quando si fatica servono capi dinamici in grado di isolare bene ma anche di dare respiro quando il ritmo sale. Veloplus, marchio che ha una enorme esperienza nel...


È stato presentato ieri sera a Nizza il percorso del Tour des Alpes-Maritimes et du Var 2023. La prima delle tre tappe in programma si correrà il prossimo 17 febbraio con partenza da Saint-Raphaël ed arrivo a Ramatuelle. La frazione...


Il tempo scorre, l’inverno avanza, e Sacha Modolo ancora non è riuscito a trovare una sistemazione per la stagione 2023. La Bardiani-CSF-Faizanè non gli ha rinnovato il contratto e il 35enne di Vazzola sta sempre più prendendo in considerazione l’ipotesi...


Edoardo Zardini ha deciso di chiudere la sua carriera agonistica. Complici anche le difficoltà della Drone Hopper Androni, il trentatreenne veronese ha preso la sua decisione: «Durante il Giro d’Italia ho cominciato a maturare questa decisione, anche perché penso di...


Fino a un anno fa, la Velocità  italiana su pista era praticamente morta, abbandonata a se stessa e a quei pochi coraggiosi corridori che si arrangiavano a fare praticamente tutto. Dal cemento, però, sta nascendo un fiore e l’ultimo mondiale...


Antonio Mario Molteni è nato a Eupilio il 28 giugno 1944, e tuttora residente nel medesimo comune nella zona di Erba, in provincia di Como, piacevole località alle pendici del monte Cornizzolo, altitudine m. 1241, luogo frequentatissimo dagli amanti del...


E allora vorremmo di novembre, d’altronde è più che naturale con il clima che stiamo vivendo, che il maggio del 2023 fosse ciclisticamente già qui. Con la ratifica appena promulgata di ben tre-tappe-tre in Campania del Giro d’ Italia, nella...


In carriera ha vinto tutto quello che c'era da vincere (due Mondiali, un'Olimpiade, tre volte la Coppa del Mondo, cinque Classiche Monumento, e molto altro) in sella a molte biciclette diverse. Ma da quando ha iniziato la nuova avventura al...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach