VAN DER POEL. «SE DEVO SCEGLIERE FRA TOUR E GIOCHI, VOTO PER LE OLIMPIADI»

PROFESSIONISTI | 30/12/2020 | 18:00
di Francesca Monzone

Con l'ennesima dimostrazione di forza, Mathieu van der Poel ha vinto oggi a Bredene la sua ultima gara di ciclocross del 2020, chiudendo l'anno solare con un bottino di 5 vittorie. Avrà una pausa breve, perché il 1° gennaio sarà gia sulla sua bici per un’altra corsa. Aspetta il Mondiale di Ostenda, Van der Poel e, riguardo la scelta tra Tour e Olimpiadi, l’olandese non ha dubbi: si vola dritti a Tokyo.


«E’ stata una bella gara quella di oggi, faticosa ma il finale è andato abbastanza bene». Il campionne del mondo ha vinto davanti a Toon Aerts e Michael Vanthourenhout. Una gara tecncica, quella di Bredene, che gli ha permesso di portare a casa la tredicesima vittoria stagionale, contando anche i successi su strada.


«Toon ha imposto un ritmo abbastanza elevato, sono stato bravo a portare avanti la corsa e ho sempre mantenuto alta la concentrazione. Penso che questo anno sia stato difficile per tutti, non solo per noi ciclisti. Dobbiamo essere soddisfatti per le corse che siamo riusciti a fare e sono felice che siamo riusciti a portare a termine la stagione sportiva. Speriamo che presto tutto torni alla normalità, con il pubblico nuovamente a vedere le corse».

Il 2020 si è chiuso e l’anno nuovo sta per arrivare, sarà un anno importante perché a Tokyo ci saranno le Olimpiadi. Anche se non ci sono ancora notizie ufficiali, dal Belgio si è sollevato il dubbio di una possibile quarantena preolimpica di 15 giorni e, se così fosse, sarebbe impossibile essere presenti al Tour che terminerà il 18 luglio, con le gare olimpiche, che per il ciclismo su strada prenderanno il via il 24. Se realmente questa notizia diffusa da uno dei tecnici della federazione belga dovesse essere confermata, allora i corridori si troverebbero nella condizione di dover scegliere. Van der Poel però non ha dubbi: Giochi Olimpici piuttosto che il Tour de France.

«La scelta è facile per me - ha detto l’olandese -. Sarà comunque come costruire un puzzle. Non ne ho ancora parlato con la squadra, ma se lascio parlare il mio cuore, allora scelgo i Giochi. Questo è un obiettivo sul quale sto lavorando da molto tempo».

Anche nel 2021 Van der Poel vuole essere unico. Sa perfettamente di essere l’unico corridore al mondo capace di competere vincere ai più alti livelli in tre diverse specialità. Già Campione del Mondo nel ciclocross, vuole conquistare l’oro alle Olimpiadi nella mountain bike, per poi pensare ad un Mondiale su strada.

«I Giochi sono solo ogni quattro anni mentre il Tour si tiene ogni anno. È una decisione difficile per una squadra, anche se non è una scelta difficile per me personalmente. Il titolo di Campione Olimpico è davvero molto speciale».

Per la cronaca, la notizia su una possibile quarantena pre-Giochi allo stato attuale non è stata ufficializzata dal Cio e neanche dall’UCI, ma resta comunque una ipotesi molto probabile.

Copyright © TBW
COMMENTI
.
30 dicembre 2020 22:20 Rallenta
Che atleta fenomenale, sia di testa che di fisico. Sempre generoso. Semplicemente esagerato

Tre giorni fa
30 dicembre 2020 23:54 lupin3
Ha preso tre minuti da Van Aert, ma lui é un fenomeno....

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La Liegi-Bastogne-Liegi vivrà domani il 110° atto della sua gloriosa storia. Nella Decana delle classiche l’Italia ha fin qui festeggiato 12 affermazioni, la prima nel 1965 con Carmine Preziosi e l’ultima nel 2007 con Danilo Di Luca. Nel mezzo la...


Ultime corse di preparazione e poi sarà Giro d’Italia 2024. Dopo la parentesi di ottobre dell'edizione 2023, domani scatta il Giro di Turchia 2024, che torna nella sua collocazione originale e ci terrà compagnia dal 21 al 28 aprile, per...


La terza tappa dell'Eroica juniores, da Siena a Montevarchi, è stata annullata per ragioni di sicurezza. Dalle prime indicazioni la causa è dovuta ad un cambio di percorso da parte di un drappello di atleti i quali, in località Cavriglia,...


Doppio impegno in Piemonte e Romagna per la squadra di Savio e Bellini. Nelle due gare del calendario internazionale UCI si alterneranno - diretti da Plaza  e Peschi - i seguenti corridori: Camargo, Aguirre, Muniz, Cadena, Muniz, Macias, Orozco, Soto...


Tommaso Quaglia trionfa sotto lo sguardo felice di patron Carlo Giorgi e del suo diesse Leone Malaga. Il 18enne cuneese di Verzuolo, portacolori del Team F.lli Giorgi, ha fatto centro nella 60sima edizione del Giro della Castellania per la categoria...


Quasi all’improvviso, senza neanche accorgersene, il ciclismo italiano si è ritrovato in mano un corridore che può ambire (e ambisce) a fare alta classifica in un Grande Giro. La crescita di Antonio Tiberi negli ultimi due mesi è stata lampante,...


Ancora fra i protagonisti Davide Toneatti. Dopo la vittoria di ieri, il friulano della Astana Qzaqstan Development, è salito sul podio della terza tappa, la più lunga del Giro con i suoi 190 km, della Belgrade Banjaluka in Serbia che...


Festival del cronometro oggi a Valmadrera, nel Lecchese, per la disputa della quinta edizione del Trofeo Pietrella riservata alle categorie esordienti, donne esordienti e allieve. Oltre 200 i partecipanti che si sono sfidati su un percorso di 2, 8 chilometri...


E’ stato inaugurata oggi in Belgio la Maison du Cyclisme, il nuovo museo del ciclismo ai piedi del Col de la Redoute ad Aywaille e dedicato alla Liegi-Bastogne- Liegi. Belgio e Francia insieme adesso possono vantare tre musei dedicati alle...


“…su per il Balmone - La grande storia del ciclismo a Maggiora”. Quale frase migliore per parlare del libro che verrà presentato oggi, sabato 20 aprile, alle 16  nel salone SOMS in via Antonelli 2 a Maggiora (NO). L'autore Emanuele...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi