LETIZIA BORGHESI E LA RISCOSSA DEL CICLISMO ITALIANO

DONNE | 08/07/2019 | 14:33
di Giulia De Maio

Era due anni che un'italiana non vinceva una tappa al Giro Rosa: Marta Bastianelli, 2017. Per trovare un podio interamente tricolore dobbiamo tornare addirittura al 2015, alla Pioltello-Pozzo d'Adda con Cucinotta, Bastianelli e Cecchini. La quarta tappa del Giro Rosa Iccrea ha premiato le attaccanti e ha finalmente tinto d'azzurro la corsa a tappe più importante del panorama femminile internazionale. 

A festeggiare in particolare è Letizia Borghesi che regala alla Aromitalia Basso Bikes Vaiano un successo tanto inatteso quanto emozionante. «Sto vivendo un'emozione incredibile, è stato fantastico, questa giornata è la ricompensa a tanti sacrifici e la prova che nei momenti difficili non bisogna mollare. Devo dire grazie a chi mi ha supportato, in particolare alla mia squadra. Quando siamo partite pensavo ci avrebbero controllato, quando ho visto che i minuti crescevano e i chilometri diminuivano ho iniziato a crederci. Alla fine c'era tanto nervosismo, era difficile collaborare, ci stavamo giocando tutte e tre una grandissima occasione. Sono contentissima di averla colta io» racconta la 20enne trentina di Ville D'Anaunia mentre mamma Lara riprende fiato dopo aver corso l'ultimo chilometro per raggiungerla e papà Giuseppe sta cercando parcheggio per il camper, che a tante corse ha portato e porterà Letizia e la sorella Giada, che corre tra le junior.

Piazzata in Belgio alla Freccia del Brabante (7a), al Gp Plumelec (10a),  alla Liegi (nelle 30 al debutto), Letizia si gode il primo successo tra le grandi. «Questo risultato mi dà spinta e coraggio. Siamo una squadra con un budget decisamente inferiore rispetto alle prime ma molto unite, lavoriamo insieme e ci vogliamo bene, questo fa la differenza. Sogno una carriera come quella delle cannibali Vos e Van Vleuten, ma ho tanta strada davanti a me. Questo è solo un punto di inizio».

foto Flaviano Ossola / Giro Rosa Iccrea

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

L’appuntamento è il primo della giornata: ore 10.15 alll’Hotel C Suites di Nimes. Schierati dietro una selva di microfoni Geraint Thomas, Dave Brailsford e Egan Bernal attendono le domande dei giornalisti. A parlare per primo è Dave Brailsford quando chiedono:...


È pronta l’Androni Giocattoli Sidermec per l’Adriatica Ionica Race, la gara al via mercoledì con un circuito cittadino e giovedì con la prima tappa per la sua seconda edizione, dopo l’esordio dell’anno scorso con un successo proprio di uno dei...


Ci sono Bahrain Merida, Mitchelton Scott e Trek Segafredo, ma i riflettori - e non potrebbe essere diversamente - al Logis Nimotel sono tutti per Julian Alaphilippe, maglia gialla e capitano della Deceuninck-Quick Step. Oltre cento fra giornalisti e fotografi...


Fuori, nel giardino del Grand Hotel de Nimes, sotto il sole della Provenza cantano le cicale. Dentro, rinfrescati da una piacevole aria condizionata, parlano i corridori della Movistar. Che, rispetto al primo giorno di riposo, hanno volti diversi: Mikel Landa...


Il recupero di Lorenzo Gobbo - il giovane pistard italiano protagonista di un incidente incredibile sulla pista di Gand durante i campionati europei Under 23 e Juniores - procede bene, anzi possiamo dire che il diciasettenne brianzolo migliora ora dopo...


Si torna a correre in Italia, con l’Adriatica-Ionica. 5 tappe con la cronometro a squadre di apertura e 4 tappe in linea dal 24 al 28 luglio 2019. Saranno 6 gli #OrangeBlue al via con Nicola Bagioli ancora non al...


L’annuncio arriva nel secondo giorno di riposo del Tour de France ed è un annuncio davvero importante: il team Deceuninck - Quick-Step diventerà il partner ufficiale del Tour de l'Avenir, la corsa a tappe riservata ai giovani più prestigiosa del...


Sofferente da giorni a causa di problemi alla schiena, Wilco Kelderman è costretto ad abbandonare il Tour de France dopo la quindicesima tappa della corsa. «Negli ultimi giorni Wilco ha avuto dolori alla schiena - ha spiegato il medico del...


Il bielorusso Siarhei Papok ha vinto allo sprint la nona tappa del Qinghai Lake Tour. Il portacolori del Team Minsk ha preceduto il colombiano Daniel Lopez e il rumeno Eduard Grosu. In testa alla classifica generale rimane saldamente il colombiano...


Un secondo posto che vale molto quello conquistato da Stefano Gandin in Ungheria. Il 23enne trevigiano della Delio Gallina Colosio Eurofeed sfiora infatti il successo nella gara internazionale V4 Special Series Vasarosnameny Ibrany del calendario Europa Tour classe 1.2 riservata...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy