POLONIA. WILD CARD, ECCO LA NOVO NORDISK

PROFESSIONISTI | 07/06/2017 | 17:00
Tra le 4 squadre Professional-Continental che hanno ricevuto la Wild Card per il Tour de Pologne - UCI World Tour 2017, in programma dal 29 luglio al 4 agosto, c'è anche il Team Novo Nordisk. Ciclismo ma non solo per la squadra di matrice americana che è composta da corridori tutti affetti da diabete in rappresentanza di 8 nazioni. Il Team Novo Nordisk è il primo team al mondo formato da atleti professionisti con diabete. La mission del team non è solo vincere ma incoraggiare le persone con diabete e di dimostrare che vivere con questa patologia non deve essere un freno nell'inseguire i propri obiettivi e i propri sogni. Per questo motivo gli atleti del Team Novo Nordisk incontrano ogni anno migliaia di persone per trasmettere questo messaggio di speranza, cercando attraverso le vittorie e le imprese sulla strada, di incoraggiare e dare nuovi stimoli e nuove motivazioni a chi ne ha più bisogno.

Abbiamo deciso di invitare la squadra anche per questa edizione perché nel 2016 hanno onorato al meglio la loro partecipazione, dimostrando di essere una squdra di alto livello, degna di una corsa World Tour. Inoltre questi corridori sono portatatori di un messagio importante che merita di essere diffuso attraverso lo sport e il ciclismo in tutto il mondo e anche qui in Polonia” spiega il direttore generale del Tour de Pologne Czeslaw Lang.

Di seguito l’intervista con uno dei veterani del Team Novo Nordisk, il corridore olandese Martijn Verschoor, sprinter e cacciatore di classiche. Lui quasi certamente sarà uno dei corridori selezionati dal team per partecipare al Tour de Pologne.

Come ti sembra il percorso del Tour de Pologne?
«Il Tour de Pologne è una corsa World Tour, una delle più importanti della stagione. Le tappe di montagna sono sempre giornate impegnative, con tanta salita e tanto dislivello, ma in generale tutta la settimana di corsa sarà dura da affrontare per l’intero gruppo».

Com’è il confronto tra il Tour de Pologne e le altre importanti corse a tappe che affrontate di solito nel corso della stagione.
«Le tappe in Polonia sono più lunghe e più dure di quelle che affrontiamo solitamente in altre corse durante l’anno e anche il gruppo è numeroso con più o meno 200 corridori al via. Inoltre con le condizioni climatiche che d’estate spesso cambiano, soprattutto in montagna, ogni giorno diventa un’avventura portare a termine la corsa. Tutto questo però contribuisce a rendere il Tour de Pologne una delle corse più dure ma anche più importanti per la stagione del nostro team».

Quanto è importante per la vostra squadra questa Wild Card?
«Questo invito è un onore e un privilego per tutto il Team Novo Nordisk. Inoltre è la dimostrazione che il nostro team è in grado di correre ad alti livelli. Presentandoci al via del Tour de Pologne noi mostriamo al mondo intero quello che è possibile fare anche convivendo con questa patologia e ogni giorno diventa un’occasione preziosa per ispirare, educare, motivare e dare coraggio a tutta la comunità dei diabetici».

Quali sono i vostri obiettivi per la corsa?
«Porteremo una squadra ben assortita per cercare di essere competititvi su tutti i terreni, con corridori che possono ambire a lottare nella Top10 per gli sprint, corridori che possono puntare a fare bene sulle salite negli ultimi giorni di alta montagna ma anche corridori solidi pronti ad entrare nelle fughe ogni gorno, nelle tappe miste attraverso la Polonia».

Come ti sembra l’atmosfera del Tour de Pologne e i tifosi polacchi?
«Il Tour de Pologne è una grande corsa, con una bellissima atmosfera di tifo e interesse da parte degli appassionati e di tutta la gente delle zone toccate. Gli arrivi solitamente sono sempre nel centro delle grandi città e si arriva in circuito con grande gioia da parte dei tifosi e degli spettatori che si possono divertire a lungo, vivendo la corsa. Le folle sono sempre enormi ed è sempre un brivido per il Team Novo Nordisk incontrare amici e operatori della comunità diabetica che si organizzano e vengono a trovarci alla partenza e all’arrivo di ogni tappa.

C’è qualcosa che vorresti portare a casa dall’esperienza in Polonia?
Avere una corsa di alto livello in agosto è molto importante per il Team Novo Nordisk. In Polonia noi e il resto del gruppo troviamo sempre un’atmosfera straordinaria. Alla fine quando lasciamo la Polonia siamo sempre molto stanchi ma anche molto felici e questa è una condizione ottimale che ci portiamo avanti nelle settimane seguenti e che ci permette di completare al meglio la stagione».

Ricordiamo che le 4 wild card per il Tour de Pologne 2017 sono state assegnate a: Team Novo Nordisk (USA), Gazprom RusVelo (Russia), CCC Sprandi Polkowice (Polonia) e Reprezentacja Polski (la nazionale polacca).
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
«Si rende noto che, a seguito di segnalazioni pervenute, la Procura Federale della Federciclismo ha aperto, in data 30.06.2020, un fascicolo di indagine riguardante la partecipazione di tesserati FCI a gare svoltesi durante il periodo di emergenza sanitaria e di,...


«Il lancio di Egan Bernal e il salvataggio del team (dopo la vicenda Venezuela ndr) sono state tra le soddisfazioni più significative della mia carriera», Gianni Savio si è espresso così durante la diretta di Lello Ferrara 3.0 parlando della...


Una caduta con lo scooter e purtroppo per Matteo Lapo Bozicevich la diagnosi non è delle più belle: frattura di due vertebre e lo schiacciamento di una terza. E' successo lunedì pomeriggio verso le 18.30 quando, a seguito di una...


La e-bike è il futuro ed è l’emblema della nuova mobilità, per intenderci, quella sostenibile che promette di cambiare il volto delle nostre città. La e-Road, la sua versione sportiva, è lil modo migliore per riportare in sella chi non...


La domanda che nel corso della sua santa esistenza Bartali si è sentito porre con più frequenza è questa: “Chi ha passato la borraccia?”. Se avesse avuto davanti un coppiano, il buon Gino rispondeva che gliela aveva data Fausto, viceversa...


Come se non bastasse la mazzata della pandemia, altre situazioni negative stanno penalizzando il ciclismo. Ne parliamo con Fabio Sabatini, figlio d'arte - anche papà Loretto è stato un ottimo ciclista - 35enne originario di Monsummano ma che risiede a...


Ancora nulla da fare per gli sport di squadra in Emilia Romagna. «Stiamo monitorando quotidianamente la curva dei contagi - afferma Gianmaria Manghi, responsabile delle segreteria politica della Giunta regionale - ancora non abbiamo deciso un giorno per la riapertura...


Massimo Ghirotto è stato uno di quei logotenenti che avevano doti e capacità per cogliere vittorie importanti e da oltre dieci anni racconta il Giro d'Italia dal cuore della corsa per RadioRai. E ha accettato il nostro invito per partecipare...


Da ormai un trentennio Alberto Brambilla si dedica allo studio del rapporto fra sport e scrittura: in questa ricerca affondano le radici di questa antologia critica dedicata al luinese Vittorio Sereni - sfegatato tifoso interista e fervente ammiratore del campionissimo...


Non si pone obiettivi particolari, gli basta lottare con gli avversari più forti per la vittoria. Gabriele Arzilli è il figlio dell'ex professionista Fabrizio Arzilli, due stagioni alla Cantina Tollo, dal quale ovviamente ha erediato la passione per il ciclismo....


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155