ANDREI TCHMIL SMENTISCE MUSEEUW: «ABBIAMO PARLATO IN ITALIANO, FORSE NON HA CAPITO»

NEWS | 01/03/2022 | 15:56
di Francesca Monzone

Non andrà in guerra, non ne ha nessuna intenzione, anche perché non ci ha mai pensato e non l'ha mai detto. Andrei Tchmil ha smentito quanto raccontato alla stampa belga da Johan Museeuw e riportato sulle testate di tutto il mondo. Nelle accorate dichiarazioni che il Leone delle Fiandre ha dato ai media, aveva raccontato di aver ricevuto una telefonata dal rivale e amico Andrei Tchmil, con il quale aveva corso negli anni ’90, in cui gli riferiva che sarebbe partito per la guerra.


Tchmil all’Equipe ha spiegato che ci sarebbe stato un malinteso al telefono, perché non avrebbe mai affermato di volersi arruolare. In una intervista apparsa sul quotidiano Het Laatste Nieuws Andrei Tchmil ha spiegato con precisione la situazione a Chisinau, città dove vive e che si trova ad appena 185 km da Odessa, importante porto ucraino e a 75 da Transnistria, un aeroporto militare. «Al momento sono tranquillo e non mi sento in pericolo - ha spiegato il vincitore della Sanremo 1999, ma dopo aver parlato con mia moglie che era molto angosciata, abbiamo pensato che sarebbe stato meglio portarla in Romania insieme a nostro figlio di un anno».


Tchmil è nato in Russia, ma ha avuto anche nazionalità ucraina ed ha corso in Belgio, vincendo molte classiche, come la Roubaix del '94. Oggi l’ex campione ha una fabbrica di bici in Moldavia, precisando che non sono preparati per affrontare una guerra. «Quello che sta accadendo in Ucraina potrebbe accadere anche qui – ha spiegato Tchmil –, ma la Moldavia non può andare in guerra, non abbiamo un esercito e siamo un Paese neutrale. Qui ho una fabbrica di bici e anche se il mercato è in crisi ho delle cose da fare e poi abbiamo i nostri animali da accudire».

Tchmil riguardo la telefonata avuta con Museeuw ha spiegato che hanno parlato in italiano e che forse per questa ragione ci sarebbero stati dei malintesi. L’ex campione ha affermato anche di aver parlato con Peter van Petegem. «Molte persone mi hanno chiamato per sapere come stavo e ho ribadito che non possiamo andare da nessuna parte, ma che ho portato mia moglie e mio figlio in Romania per farla sentire più tranquilla. Abbiamo cani e gatti da accudire e ho detto che resterò qui, ma che se dovesse esserci la necessità, prenderò il mio passaporto belga e andrò in Belgio, ma per il momento non ho intenzione di andare via».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Si è concluso oggi a Selve di Teolo, nel Padovano, il Giro del Veneto categoria juniores. La frazione conclusiva è stata conquistata allo sprint dall'azzurro Alessio Magagnotti, della Autozai Contri, che ha regolato Riccardo Fabbro (Industrial Forniture Moro C&G Capital)...


Un brindisi al Muro, che l’ha accolto trionfalmente il 25 maggio, nella penultima tappa dell’edizione numero 107 del Giro d’Italia. E, soprattutto, un brindisi a lui, che ha scelto Ca’ del Poggio per festeggiare – ieri, sabato 20 luglio -...


L’imbattibile Tadej Pogacar in fondo alla classifica di una corsa? Sembrerebbe impossibile, eppure c’è stato un tempo in cui le prendeva... e come se le prendeva. Una cosa che sembrerebbe incredibile, soprattutto oggi che si appresta a vincere il suo...


Un Tour storico come quello del 2024 si chiude con un'altra pagina di storia: per la prima volta in 111 edizioni, infatti, la Grande Boucle non si concluderà a Parigi. La capitale, che da giovedì ha cominciato ad accogliere gli...


Raffica di statistiche sulla ventesima tappa del Tour de France, redatte da Michele Merlino e dall'NTT Daily Stat. 6+5: POGACAR INFRANGE UNA NUOVA BARRIERA Con una 5a vittoria di tappa al Tour de France, dopo averne vinte 6 al Giro...


Una normale giornata di allenamento in quota - la Soudal Quick Step è in ritiro al Passo San Pellegrino con Julian Alaphilippe, Ayco Bastiaens, Gil Gelders, Antoine Huby, William Junior Lecerf, Paul Magnier, Tim Merlier, Pepijn Reinderink, Pieter Serry, Martin...


Ancora un piazzamento per Jonas Vingegaard, che ieri nella tappa numero 20 da Nizza al Col de la Couillole è arrivato secondo alle spalle di Tadej Pogacar. Il danese non ha vinto questo Tour, ma ha lottato in ogni modo...


Il Tour del 1903? “Quella prima frazione durò circa 18 ore. E dopo averla vinta, Garin si saziò con due polli, quattro bistecche, una frittata con 12 uova e 12 banane”, “Nella seconda tappa verso Marsiglia, alla stazione di Montélimar...


Primo successo in stagione per Simone Gardani. Il parmense del Team F.lli Giorgi si è imposto a Osio Sotto (Bg) nella gara per juniores valida come Gran Premio Map-Memorial Giacomo e Carlo Sciola. Gardani ha preceduto Cristian Cornali (Romanese), che...


Acuto vincente di Efrem Zamboni nel Trofei città di Asola per allievi svoltosi a Castelnuovo nel Mantovano. Il corridore veronese del team Luc Bovolone, al secondo successo stagionale, ha superato Matteo Serini della Scuola Ciclismo Mincio Chiese, mentre la terza...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi