LA LEZIONE DI COMMESSO: «RAGAZZI, NON FATE COME ME, ASCOLTATE I DIESSE»

DILETTANTI | 23/05/2020 | 14:59
di Bibi Ajraghi

«Un consiglio per la ripartenza? Non fate come me». Quaratacinque anni, dei quali dodici da professionista, tra tante soddisfazioni e qualche rimpianto. Salvatore Commesso - napoletano di Torre del Greco trapiantato a Gorlago, in provincia di Bergamo, dove vive con la moglie Giusy e i figli Dylan e Ginevra  - racconta infatti che «da professionista ho vinto 12 gare ma il bottino sarebbe stato almeno doppio se avessi seguito le indicazioni dei direttori sportivi. Invece ho sempre fatto di testa mia e ho pagato».

Totò si è raccontato a Renato Fossani sulle pagine de l'Eco di Bergamo. Una breve intervista nella quale sono contenuti consigli profondi, sinceri, inequivocabili.

Commesso nè è convinto: poche le vittorie rispetto alle sue potenzialità, ma indubbiamente successi di grande valore: due titoli italiani, altrettante tappe vinte al Tour de France, altre due al Giro del Portogallo con la leadership finale in una classifica a punti. «Sì, dai, qualcosa ho messo insieme, emozioni e soddisfazioni me le sono tolte. Però insisto, avrei potuto fare molto di più».

E ora che è dall’altra parte della barricata raccomanda ai suoi ragazzi di rigare dritto: «Racconto loro le mie esperienze, negative o positive che siano, e soprattutto sottolineo l’importanza di attenersi ai consigli di quanti ne sanno più di loro».

A Palazzago - dove non vede l’ora di recuperare il terreno perduto dopo il lungo stop forzato a causa della pandemia da coronavirus - dirige 17 atleti, alcuni dei quali di interesse in prospettiva futura: «Ognuno dei ragazzi merita attenzioni, sanno fare gruppo, si impegnano. I sogni nel cassetto rimangono il recupero del piemontese Luca Cavallo, 20 anni, e il decollo del colombiano Fabian Chaves, 22 anni. È da dilettanti che ci si fora per il professionismo. Personalmente ne so qualcosa».

Infine, una concessione sentimentale: «L’emozione più bella? Sicuramente la prima delle due vittorie al Tour de France, in maglia tricolore, davanti ad un bergamasco come Marco Serpellini. Quella giornata non la dimenticherò mai».

Copyright © TBW
COMMENTI
RAGAZZI, NON FATE COME ME ..........
23 maggio 2020 18:35 Mario Chiesa
ragazzi fatelo morire ;-) ahahahahah

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Una vittoria al Tour de France 1998 indossando la maglia Gialla dalla prima all'ultima tappa, sette successi di tappa ottenuti in vari anni sempre al Tour, il campionato mondiale su strada a Verona nel 1999, due vittorie al Giro d'Italia...


Prendete la preparazione e le nuove brillanti idee di fi:zi’k, mettetele insieme allo stile unico di PEdALED ed ecco a voi le nuove Jary Terra Powestrap X4, calzature votate all’avventura e pronte per voi dopo aver sfidato alcuni dei sentieri più duri al...


Tutti insieme a protestare per la nmorte di un ragazzo investito. I professionisti ecuadoriani - Richard Carapaz (Ineos), Jonathan Caicedo (EF), Jefferson Cepeda (Caja Rural) e Alexander Cepeda (Androni) - sono scesi in piazza insieme ad un altro centinaio di...


Nella nuova GB Junior Team, formazione della categoria Juniores, è arrivato quest'anno Riccardo Groppo. Riccardo è il figlio di Marco Groppo, ex professionista e promessa del ciclismo italiano negli anni Ottanta, vincitore della classifica dei Giovani al Giro d'Italia del...


Chiariamolo subito, è un quiz nel quale non si vince nulla se non la soddisfazione - soprattutto se non si è un po' in là con gli anni - di riconoscere al volo i campioni che vi proponiamo. Quindi non...


  Una bicicletta Specialized personalizzata, donata a Papa Francesco dal campione del mondo Peter Sagan, una maglia della Roma in edizione limitata e la fascia di capitano, entrambe autografate da Francesco Totti, il body da gara autografato di Filippo Tortu...


Un messaggio di rinascita attraverso lo sport. Obiettivo tricolore è la grande staffetta di Obiettivo3*, un lungo e appassionante viaggio che in due settimane (dal 12 al 28 giugno) vedrà oltre cinquanta atleti paralimpici, tra i quali il campione Alex...


Proseguono i lavori di preparazione della 6 Giorni delle Rose di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza), in programma al Velodromo “Attilio Pavesi” dal 30 luglio al 4 agosto, nuova collocazione nel calendario dopo un primo rinvio della manifestazione (che in origine sarebbe...


La bicicletta sta vivendo una nuova giovinezza, favorita dall'emergenza e dalle nuove regole che governano la nostra vita. E le due ruote possono diventare uno strumento prezioso anche per le vacanze, per scoprire l'Italia, per imparare ad amare il nostro...


Sono i paradossi - forse inevitabili ma sempre paradossi - del ciclismo che cerca di ripartire. L’Uci non ha ancora fornito alle squadre alcuna indicazione su protocolli e norme da seguire, ma chiede sin d’ora indicazioni su raduni e ritiri...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155