L'ORA DEL PASTO. LA FUGA ESTREMA DEL FIAMA

LUTTO | 11/02/2019 | 07:47
di Marco Pastonesi

Mai andato in bicicletta. Eppure, per chi va in bicicletta, ha fatto tutto e di tutto. Uno di quelli che, lontano dalle luci della ribalta, dietro le quinte e le transenne, dietro i podi e palchi, ma dentro i magazzini e le cucine, dentro le corse e i corridori, reggono il mondo rotondo.

E’ morto il Fiama. Renato Fiameni, cremonese di Genivolta, 73 anni: il Fiama. Professione: muratore. E poi tuttofare della Società ciclistica Imbalplast di Soncino, 47 anni di storia, colori blu e arancione, la vocazione di allevare e allenare bambini e ragazzi, togliendoli dai divani, dai telefonini, dalla strada e rimettendoli in strada ma su una bici. Come una scuola, però a pedali.

Il Fiama era burbero e buono, un po’ orso fuori e un po’ agnello dentro, il suo forte era la disponibilità: quando c’era bisogno, necessità, urgenza, bastava uno sguardo, una chiamata, una telefonata perché lui scattasse e risolvesse il problema. Era il braccio destro di Sergio Alzani, “la Locomotiva soncinese”, due anni da professionista con Gazzola e Salvarani, poi patron della Imbalplast. Ed era stato lo scopritore di Amilcare Sgalbazzi, otto anni da professionista e una vittoria al Giro d’Italia.

Giovedì scorso era prevista una riunione societaria della Imbalplast: organizzazione, calendari, varie ed eventuali. Invece, prima, un malessere, un malore. La richiesta, anomala per uno come lui, di essere accompagnato in ospedale in auto dal figlio. Non ci è arrivato vivo. Succede quando si è abituati a pensare più agli altri che a se stessi.

Il ciclismo italiano – ma verrebbe da dire: lo sport italiano – si fonda su volontari, volonterosi, uomini di buona volontà. Il guaio è che ce ne sono sempre meno. E il ricambio, a tutti i livelli, è faticoso. La fuga estrema del Fiama, e di quelli come lui, generosi e impagabili gregari giù dalle biciclette, è un brutto colpo per tutti.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Per il secondo giorno consecutivo, Thibaut Pinot ha dato spettacolo, ha staccato tutti i rivali nella corsa alla maglia gialla (ad eccezione del Landa di oggi) e ha recuperato terreno in classifica generale. «Da oggi è iniziata la mia rimonta...


Simon Yates firma la sua seconda grande impresa in questo Tour de France: dopo Bagnères de Bigorre, il britannico corona il suo straordinario weekend pirenaico vincendo a Foix Prat d'Albis: «È stata una grande vittoria e confesso di essere molto...


Per la prima volta in due settimane, Julian Alaphilippe è andato in difficoltà e ha ceduto terreno. Poco, in realtà, ma la tappa è stata davvero impegnativa: «Mi aspettavo un giorno duro come è stato in realtà, voglio ringraziare la...


Il Team Ineos continua a puntare su due cavalli, con una gestione tattica che a volte fa discutere: oggi Egan Bernal ha risposto a Pinot staccando Geraint Thomas, mentre il gallese poi ha reagito staccando a sua volta la maglia...


Con il coraggio dei grandi, Giulio Ciccone ha fatto di tutto per entrare nella fuga di giornata e provare ad essere protagonista in una delle tappe più attese del Tour. «Non c'è niente da fare, continuo ad avere mal di...


Ha chiuso ventiseiesimo a 4'45" ed ora in classifica generale Fabio Aru occupa il diciassettesimo posto a 14'15" da Alaphilippe. «Anche quella di oggi è stata una tappa molto impegnativa - spiega il sardo della UAE - e l'abbiamo corsa...


Il Tour più bello degli ultimi anni non tradisce nemmeno oggi e ci regala un'altra tappa entusiasmante. A metter il suo sigillo sulla frazione numero 15 - la Limoux-Foix Plat d'Arbis - è stato Simon Yates, che ha posto il...


Ormai scarseggiano gli aggettivi per descrivere la grandezza di Peter Sagan. Ne volete un'altra prova? Guardate cosa ha fatto ieri sul Tourmalet...


E' il veneto Alessio Delle Vedove ad imporsi nel Trofeo città di Castelnuovo di Asola per allievi che si è svolto nel Mantovano. Il corridore dell'Uc Mirano batteo Daniel Polato del team Aspiratori Otelli VTFM Carin Nacanco e Diego Ressi...


  Tappa ad Andrea Bagioli, Giro a Mauri Vansevenant. Il 56° Valle d’Aosta ha assegnato i suoi due ultimi verdetti ai piedi della Gran Becca, punto di arrivo per scalatori a due ruote, base di partenza per arrampicatori a ramponi...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy