SAN GEO. PRESENTATA L'EDIZIONE 2019 DEDICATA A GIANCARLO OTELLI

DILETTANTI | 08/02/2019 | 09:58
di Angiolino Massolini

Nello splendore di Palazzo Morani a Prevalle, realizzato nella prima metà del ‘700, è stato tolto il velo alla novantacinquesima edizione della Coppa San Geo-Giancarlo Otelli, corsa d’apertura del ciclismo dilettantistico organizzata dall’omonimo gruppo sportivo presieduto da Gianni Pozzani. Come si evince chiaramente dal titolo la corsa è dedicata al presidente del club saretino scomparso prematuramente il 3 gennaio scorso. La corsa è in programma il 23 febbraio con partenza dal piazzale dell’Ivar di Prevalle alle 12,30 e arrivo nella stessa località davanti all’azienda di Delio Gallina dopo 149,200 chilometri attorno alle 16. Per la quarta volta la prestigiosa corsa dilettantistica scatta da Prevalle, mentre si conclude invece per la sesta.

Il tracciato quantomai nervoso e spettacolare si divide in tre fasi distinte. La prima su un circuito da affrontare tre volte attorno a Prevalle. La seconda disegnata su un altro circuito da affrontare quattro volte con gli strappi di Soprazocco San Giacomo e Muscoline. Quindi la terza e ultima su un altro circuito comprendente le salitelle di Soprazocco San Giacomo, Muscoline, Passo Cavallino e Burago. Quest’ultima asperità è posta a cinque chilometri dallo striscione d’arrivo e costituisce certamente un trampolino di lancio per i papabili alla vittoria.

Il cast dei partecipanti a due settimane abbondanti dall’evento non è ancora completo. Hanno finora aderito una centuria e mezza di dilettanti italiani in rappresentanza dei migliori team in circolazione. Al via anche il campione uscente Filippo Tagliani passato dalla Delio Gallina Colosio Eurofeed alla Casillo-Maserati. Tar gli iscritti figurano pure Matteo Furlan e Samuele Zambelli nel 2018 rispettivamente terzo e quarto. Il castelmellese è passato dall’Iseo Serrature Rime Carnovali alla Tsa Beltrami, mentre Zambelli è ancora un punto fermo del club guidato da Calosso. Naturalmente Biesse Carrera Gavardo, Delio Gallina Colosio Eurofeed e Iseo Serrature Carnovali Rime sono pronte a lanciare il guanto di sfida alle numerose avversarie. Come la Biesse Carrera Gavardo, anche la Iseo Serrature Carnovali Rime da quest’anno figura nelle formazioni Continental. Difficile stilare un pronostico perché alcuni corridori hanno già disputato qualche corsa all’estero e non ci è dato sapere quali siano le loro reali condizioni. Sicuramente hanno più ritmo corsa degli avversari. E anche per quel che concerne gli stranieri è difficile stabilire chi è in grado di dare filo da torcere agli antagonisti. Sicuramente svizzeri, tedeschi, austriaci, francesi e un paio di formazioni dell’est sono destinati a controbattere le formazioni italiane, ininterrottamente sul gradino più alto del podio dal 2008. Per quel che concerne i nostri corridori, negli ultimi cinque anni a  Prevalle si sono affermati Alberto Tocchella nel 2014 e l’anno scorso Filippo Tagliani.

All’incontro promosso e organizzato alla grande dal Gianni Pozzani and company hanno presenziato il padrone di casa Amilcare Ziglioli, sindaco di Prevalle, insieme a Michele Gamba e Cordiano Dagnoni, rispettivamente vice-presidente nazionale e presidenmte regionale del’Fci, Filippo Tagliani (campione uscente), Jakub Mareczko, Fiorenzo Scalfi (vincitore nel 1978), i quali nel corso die loro interventi hanno sottolineato l’importanza di questo appuntamento, vanto della federciclo nazionale, bresciano in particolare. Ad un certo punto le vicende dello sport si sono intrecciate con quelli del sentimento e della vita: Gianni Pozzani ha consegnato a Laura Otelli figlia di Giancarlo un quadro che lo raffigura in una delle tante giornate radiose su un palco delle premiazioni.

 

 
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Ha tagliato per ultimo il traguardo di Toulouse, Giulio Ciccone: sofferente in visto, nella scia di Nizzolo e Langeveld ad oltre 12 minuti da Caleb Ewan. L'abruzzese della Trek Segafredo è rimasto coinvolto nella caduta verificatasi ad una ventina di...


Caleb EWAN. 10. Finalmente il folletto di Sydney. Ci voleva, se lo meritava perché in fin dei conti in più di un occasione era arrivato vicino alla linea del traguardo. Oggi il piccolo velocista australiano corona il sogno e centra...


È mancata ieri notte all'età di 85 anni dopo una lunga malattia la signora Bruna Cassone in Damiani, mamma di Roberto, attuale tecnico della Cofidis, tornato di fretta a casa dalle strade del Tour de France. Domani a Castellanza ore...


Ancora un piazzamento di prestigio per Elia Viviani che oggi, però, non è mai entrato nella sfida per la vittoria di tappa, finendo terzo nella scia di Ewan e Groenewegen. «Qualcosa non ha funzionato nell'impostare l'ultima rotonda, credevamo fosse più...


Decima tappa in linea e decimo vincitore diverso in un Tour de France equilibratissimo per quanto riguarda i velocisti. A Tolosa sorride Caleb Ewan che ha fulminato in un arrivo serratissimo Dylan Groenewegen mentre Elia Viviani ha chiuso al terzo...


Giro della Valle d’Aosta, prima tappa, interamente francese, atto primo. Succede al km 98 di corsa, quando ne mancano 28 all’arrivo, poco prima dell’ingresso in Praz-sur-Arly. A quell’incrocio sono già passati tre fuggitivi (il belga Vansevenant, il francese Chevalier e...


Piccole storie di ordinarie giornate di riposo al Tour. Accade ad Albi, a poche distanza dal Grand Hotel d'Orleans: i corridori chiudono la sgambata con il rituale caffé al bar. Li serve direttamente il proprietario, grande appassionato di ciclismo, che...


Andrea Bagioli, 20 anni, passerà professionista il prossimo anno con la Deceuninck Quick Step. Il valtellinese della Colpack ha dominato quest’anno la Ronde de l'Isard e il Trofeo Città di San Vendemiano.«Sono al settimo cielo, è un sogno che si...


Dopo l'Isola d'Elba, Marco Aurelio Fontana ha conquistato la Val di Pejo. In occasione della tappa della eEnduro, nella quale ha colto un buon 2° posto, il Prorider della Scuderia Fontana è andato alla scoperta di uno dei posti più belli dove girare in...


Un sondaggio da Aigle, un tweet da Copertino, un’inchiesta dalla Gran Bretagna. Sono i tre elementi della svolta tecnologica del ciclismo e del solco sempre più profondo che si va scavando tra le istituzioni e la realtà. Cominciamo dal tweet....


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy