GLI SPAGHETTI DI GASPAROTTO, LE SCELTE DELLA COLDIRETTI E LE STELLE DEL GIRO

UN GIRO DI TWEET | 25/05/2022 | 16:50
di Angelo Costa

Sollevato Girmay, ritiratosi a Jesi dopo essersi ferito all'occhio sul palco col tappo del prosecco: «Non oso immaginare cosa avrei rischiato l'ultima settimana con i tapponi».


La direzione del Giro precisa che la tappa di Lavarone è transitata dalla Val di Non per scelta di percorso e non perchè tutte le frasi rivolte ai giornalisti dagli addetti alle partenze e agli arrivi cominciano con 'non'.


Grande eccitazione fra i tifosi nel vedere Van der Poel salire il Mortirolo alzando la ruota anteriore: «Fa piacere che un Giro con poco spettacolo ogni tanto abbia un'impennata».

«Evidentemente le nuvole precedono la corsa: ovunque passiamo, la strada è bagnata» (Stefano Rizzato, motocronaca Rai, spiega che è piovuto e non che il sistema di annaffiamento dei meleti funziona male).

Smarrimento fra i colleghi anglosassoni nel sentire la Rai definire «now casting» le previsioni meteo a breve termine: «Nei nostri Paesi, quando sentiamo cadere le prime gocce, diciamo semplicemente che piove».

Prime proteste da parte dei team per la sistemazione alberghiera, non sempre ritenuta all'altezza delle esigenze: «Quando ci hanno detto che sarebbe stato un Giro con poche stelle non ci siamo capiti».

Chiarita da Coldiretti l'assidua presenza dei suoi rappresentanti sul percorso: «Sono punti ristoro per promuovere il territorio e non un modo per convincere i ciclisti più scarsi a darsi all'agricoltura».

Radiocorsa tiene a precisare che la frase «Cappella a tre chilometri dall'arrivo» era riferita a una località poco prima del traguardo e non a un clamoroso errore tattico di uno dei protagonisti della tappa.

«Sull'ammiraglia della Bora, Gasparotto sta mangiando spaghettini non invitanti, un po' secchini» (Stefano Rizzato, motocronaca Rai, ha un modo tutto suo per dire che il piatto piange).

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata più difficile per la Jumbo-Visma, Primož Roglič ancora una volta è stato il corridore che ha dovuto pagare il conto più alto. Lo sloveno è finito a terra insieme a Caleb Ewan, a causa di una balla di...


Simon Clarke ha realizzato il suo sogno. L’australiano della Israel-Premier Tech, che lo scorso inverno era ancora senza contratto ed è tormatoin sella grazie alla fiducia che gli è stata data dal suo nuovo team, ha realizzato il suo sogno...


Tadej Pogačar è stato ancoa una volta il migliore fra gli uomini di classifica e archivia con un sorriso la temutissima tappa del pavé: «Temevo tutti i pericoli che oggi potevano accadere, ho sentito parlare della caduta nel gruppo ma...


Simon CLARKE. 10 e lode. Il 35enne australiano fa vedere a tutti come fa un ciclista finito per la fatica a vincere con quel poco e con quel tutto che gli rimane. Colpo di reni, colpo di mano, colpo d’occhio,...


«Bisogna conoscere il pavé» vale per tutti: corridori, pubblico e addetti ai lavori. Detto che oggi al Tour ne abbiamo viste di tutti i colori - quello che forse le telecamere non mostrano alla Roubaix perché concentrate solo sui battistrada...


Incredibile Primož Roglič! Lo sloveno della Jumbo Visma si è lussato una spalla nella caduta di cui è stato vittima e se l'è rimessa a posto da solo, prima di ripartire. «Una moto staffetta ha colpito una una balla di...


Spettacolo e risultati clamorosi ci si attendeva dalla tappa del pavé: non siamo stati delusi. C'è un vincitore di tappa che è Simon Clarke che batte al fotofinish Taco van der Hoorn, c'è un vincitore di giornata per quanto riguarda...


Ancora Vos, è la trentaduesima volta per l’olandese nella corsa rosa: 32 successi al Giro in una carriera costellata di successi. Appena qualche giorno fa la “cannibale” aveva sbaragliato la concorrenza con una volata incredibile ad Olbia, con tanta emozione...


Silvia Persico l’aveva sognata, sperata e anche studiata per bene. Oggi si arrivava a “Berghem” la sua città, una piccola capitale e centro di una tradizione che solo la gente che è cresciuta qui può veramente capire. La portacolori del...


Si è spento nella giornata di ieri Gedeone Rebellin, papà di davide, il corridore più esperto del gruppo professionistico. Era statp lui, grande appassionato di ciclismo, a mettere in sella il figlio: Davide racconta infatti che «Da bambino papà Gedeone...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach