CYCLISSIME.COM. VAN AERT VINCE IL TROFEO CYCLISSIME 2020

PREMI | 30/10/2020 | 07:57
di Enrico Cavedine

È stato un vero e proprio concentrato di ciclismo quello che a cui abbiamo assistito tra agosto ed ottobre, un’intera stagione riassunta in tre mesi. Siamo partiti dalla Milano-Sanremo e lo sprint vincente di Van Aert, una settimana dopo era già tempo di Lombardia e Jakob Fuglsang con un arrivo in solitaria stile Liegi 2019 ha fatto sua la classica delle foglie morte in versione ferragostana.


Dopo il Tour de France abbiamo assistito all’exploit di un giovane Marc Hirschi sul muro di Huy e tre giorni dopo sull’arrivo della Liegi con la complicità di Julian Alaphilippe Primoz Roglic ha attenuato l’amarezza della sconfitta sulle strade di Francia con una vittoria nella Doyenne. 


Archiviate le classiche delle Ardenne, orfane dell’Amstel Gold Race, siamo passati a quelle del pavè che si sono aperte con la vittoria di Mads Pedersen alla Gent Wevelgem e nello stesso weekend sulle strade della Loira l’altro Pedersen, Casper, ha colto a sorpresa la vittoria alla Parigi Tours. L’epilogo si è scritto infine sulle strade del Giro delle Fiandre con uno sprint tra Matthieu Van der Poel e Wout Van Aert che ha premiato l’atleta olandese.

Domenica scorsa sarebbe stata in programma la Parigi – Roubaix, ma per  la più anacronistica tra le classiche non c`è stato nulla da fare, annullata e arrivederci a tutti al 2021. Delle 11 prove del nostro Trofeo Cyclissime oltre ad Amstel Gold Race e Parigi – Roubaix non si sono disputate la classica di San Sebastian e la Cyclassics di Amburgo ed in base alle altre otto gare è stato Wout Van Aert – 194 punti - ad avere la meglio nella nostra classifica davanti a  Mathieu Van der Poel – 181 punti. (La classifica completa)

Van Aert e Van der Poel dopo essere stati per anni dominatori assoluti della scena del ciclocross già alle prime stagioni su strada hanno dimostrato di non avere i minimi problemi di ambientamento ed ora ce li troviamo qui tra i massimi interpreti delle corse di un giorno. È un cambio generazionale quello che sta avvenendo nel ciclismo e se nelle grandi corse a tappe la vittoria di Pogacčar al Tour e Geoghegan Hart  al Giro ne sono la conferma lo stesso si puó affermare nelle classiche dove i dominatori assoluti delle passate stagioni come Sagan, Van Avermaet,  Valverde, Kwiatkowski hanno ceduto il passo ad atleti più giovani.

Tra i giovanissimi che hanno brillato nelle grandi classiche non possiamo dimenticare Marc Hirschi -  22 anni - che con 170 punti occupa il terzo posto  nelle nostra classifica e BenoÎt Cosnefroy – 25 anni - al quarto posto con 148 punti.  Al quinto posto con 106 punti figura colui che più di ogni altro avrebbe potuto contrastare Van Aert al vertice della classifica e parliamo naturalmente di Julian Alaphilippe. Dopo un secondo posto alla Milano Sanremo il francese una volta essersi laureato campione del mondo ha saltato una corsa adattissima alle sue caratteristiche come la Freccia Vallone e dopo aver gettato al vento la vittoria alla Liegi è arrivata la caduta al Fiandre in un finale di gara nel quale si era dimostrato senza dubbio il più brillante.

Concludiamo dando un’occhiata alla classifica del nostro Cyclissime Game. Nell’ultima prova legata al Giro delle Fiandre l’utente TStyle si è aggiudicato un abbonamento alla rivista tuttoBICI mentre nella nostra classifica generale l’utente BRUNO con 460 punti ha stravinto davanti allo Squalo, secondo classificato con 290 punti.

A questo punto non ci resta che salutarvi e darvi appuntamento al prossimo anno con la speranza di poter assistere ad una stagione più “classica” e meno condizionata come quella di quest’anno.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sarà stato fortunato, ma sicuramente bravo. Lorenzo Fortunato riparte da dove in pratica è partito e si è palesato al mondo: dallo Zoncolan, dove sabato scorso si è ripresentato per l’inaugurazione della nuova seggiovia dedicata al Giro d’Italia. Oggi la...


Una vita interamente dedicata alla bicicletta, un dinamismo, una lucidità e un entusiasmo mostrati ad ogni uscita pubblica, fino a un paio di mesi fa. Giovanni Meazzo, morto domenica a 93 anni, era la memoria storica del ciclismo alessandrino. Era...


Faè di Oderzo sta per diventare, per la 19^ volta, la capitale del ciclocross italiano. I rinomati vitigni di Prosecco di Borgo Barattin, nel cuore della pianura trevigiana, faranno come sempre da cornice al Ciclocross Internazionale del Ponte, 4^...


La Federazione Ciclistica Italiana ha tagliato ieir il traguardo dei 136 anni di storia. Nel bel libro di Roberto Livraghi “Pista! Alessandria capitale ciclistica della Belle Epoque” si ricorda nel dettaglio la prima corsa di velocipedi...


Immaginate la scena: è la sera del 22 ottobre, Ashton Lambie ha appena realizzato il suo sogno di vincere il titolo mondiale dell'inseguimento su pista e rientra nel suo albergo a Roubaix. Ha ancora addosso la maglia iridata, deve ancora...


A Vermiglio i cannoni non serviranno e ieri, dopo abbondanti nevicate, è stato ultimato il tracciato della tappa di Coppa del Mondo in Val di Sole che sabato e domenica accoglierà i big del ciclocross. Sarà un circuito di 3...


Prosegue il dibattito sullo stato del ciclismo giovanile. Dopo l’appello e le argomentazioni di Daniele Di Batte relativamente alla categoria Giovanissimi in provincia di Livorno, tuttobiciweb raccoglie ora l’intervento di Roberta Santini, vicepresidente provinciale della Federciclismo labronica che si fa...


Il copertoncino tubeless CST Tirent è l’ideale per il Gravel ed è nato per affrontare i  più svariati terreni tipici della specialità. Grazie alla larghezza di 42mm e alla mescola Dual sorprende per trazione comfort. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


Nova Eroica Prosecco Hills è la nuova manifestazione ciclistica in provincia di Treviso. Tre percorsi di 50, 93 e 110 chilometri tra le colline del Prosecco e le colline dell’Unesco che si svolgeranno il 30 aprile e il primo maggio...


Il Cycling Team Friuli 2022 sarà un team di grande talento come è tradizione per la formazione bianco-nera ma, allo stesso tempo, per la prima volta nella storia sarà una squadra internazionale e poliglotta. Al riconfermatissimo campione croato Fran Miholjevic, infatti,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI