GIRO U23. IL DIARIO DELLA COLPACK: IL CICLISMO È COME LA VITA...

DILETTANTI | 18/06/2019 | 07:42
di Rossella Dileo

 

Ieri siamo partiti da Buonconvento che è la patria del ciclismo amatoriale e la patria dell’Eroica da anni e come vi avevo anticipato ieri, prima della partenza c’è stata la premiazione della maglia nera, il nostro Giulio Masotto, che però a fine tappa ha... nettamente perso.

Allora che cosa vi racconto della quarta tappa? Volete prima le cose belle o quelle brutte? Mah… facciamo cosi iniziamo subito con quelle brutte così, come si dice dal dentista , via il dente e via il dolore, anche se questo non è proprio un dolore, ma un fatto che caratterizza di non poco la parte finale del nostro Giro Under 23.

E se dobbiamo proprio dirla tutta, dobbiamo fare un passo indietro e partire dalla tappa di domenica, perché Bagioli ha terminato la tappa con un ritardo di 4 minuti, ma già subito dopo la gara aveva delle brutte sensazioni, nausea, brividi, mal di testa. A sera non era del tutto ok e ieri mattina addirittura non è riuscito a mangiare nulla. È partito, ci ha provato, ha tentato di rimanere nel gruppetto degli ultimi ma non ce l’ha fatta ed ha dovuto abbandonare il Giro.

Ora, è vero che guardando sempre al peggio, non è successo nulla di grave, ma Bagio stava preparando questo Giro da mesi e senza nascondere nulla, aveva delle grosse ambizioni di classifica, visto che aveva appena vinto la Ronde De L’Isard e la condizione fisica c’era.

Ora si ritorna a casa e ci si concentra in primis sulla guarigione e poi sugli altri obbiettivi dell’anno che sono tanti.

Per Botta poi, che domenica ha messo i punti, speriamo che tutto vada per il meglio ed il giorno di riposo possa farlo recuperare, ma andando a far vedere la ferita al braccio, si spera che non faccia infezione perché è profonda. Quindi signora sfiga hai già avuto abbastanza da inizio Giro e te ne puoi andare anche un po’ in ferie, no?

Lo so che volete sapere cosa è successo di bello ieri, ma so anche che lo sapete già ed io ve la dico a bassa voce... sssssssssssssssss... Covi si è classificato in quarta posizione ed alla fine della tappa si trova a 18 secondi dalla maglia rosa. Una gara molto bella la sua e quando è passato davanti a me a 6 km dall’ arrivo l’ho visto solo all’ultimo momento perché era circondato da tre colombiani che in salita vanno a tutta. Lui comunque non è stato da meno e direi che ci ha regalato, come spesso fa, delle grosse emozioni.

Sapete popolo che pedala, queste tappe sono molto belle ma non sono tecnologiche, nel senso che in molti punti, soprattutto sugli arrivi in montagna, le linee telefoniche non funzionano e quindi bisogna aspettare che radiocorsa si avvicini a dove sei posizionato per poter sentire la situazione.

Quindi il bello ed il brutto di questa quarta giornata che ci vede sorridere per metà, ma solamente perché ci dispiace molto per Bagioli che aveva investito molto su questo Giro Under 23 e che era molto adatto alle sue caratteristiche di scalatore.

Io personalmente voglio ringraziare poi tutte le persone che seguono le mie dirette quando le posso fare, qua no, non se puede e poi quelli che seguono il diario e mi incontrato al villaggio di partenza e mi salutano... Grazie a tutti popolo del ciclismo!

Oggi giornata di riposo e per non farci mancare nulla ci trasferiamo a Salsomaggiore e sono 340 km di viaggio che fortunatamente è in auto e... domani è un altro giorno!

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Novità di rilievo nello staff tecnico della Bora Hansgrohe. Concluso il rapporto di collaborazione con Patxi Vila, il club tedesco annuncia l’arrico del direttore sportivo Jean-Pierre Heynderickx e dell'allenatore Hendrik Werner. Spiega Ralph Denk, Team Manager, della Bora Hansgrhe: «Dopo...


Continua il valzer delle sorprese al Tour of Fuzhou: 24 ore dopo il primo podio tutto « millenials » del ciclismo Elite mondiale, un corridore della Mongolia ha vinto la tappa regina di una corsa 2.1. Jambaljamts Sainbayar, portacolori della squadra ucraina...


La dottoressa è volata via. Adriana Spazzoli, la vedova di Giorgio Squinzi, si è spenta questa notte a Milano. Malata da tempo, dopo la morte del marito - avvenuta lo scorso 2 ottobre - le sue condizioni di salute erano...


Lo aveva annunciato già da mesi e ora la notizia è ufficiale: Valentino Sciotti porta la sua Farnese Vini nel WorldTour. Sarà infatti sponsor della Israel Cycling Academy. L'imprenditore abruzzese spiega: «Ho creduto da subito nel progetto che la Israel...


Non sarà una serata come tutte le altre, quella di questa sera. Sarà speciale perché vivremo la Notte degli Oscar tuttoBICI, che celebreremo nell’ormai tradizionale ed esclusiva location dell’Hotel Principe di Savoia a Milano. E sarà speciale perché raggiungeremo un traguardo...


Tra i seicento abitanti che vivono a Frinco, piccolo comune a soli 15 chilometri da Asti, Matilde Vitillo è già una piccola leggenda sportiva.  Graziosa, gentile e simpaticissima, Matilde è la punta di diamante della Racconigi Cycling Team, società del...


Ed eccoci arrivati all'ultimo giorno di trekking con la partenza dalla fredda e umida Namche per raggiungere Lukla, dove tutto è cominciato. Per raggiungerla abbiamo affrontato 20 chilometri senza un metro di pianura ma in continuo saliscendi: non ce la...


  È un piccolo libro, ma dice grandi cose e, soprattutto, fa bene. “PedalAnde. Alla ricerca del vero sapore delle fragole” è la storia di un viaggio in bicicletta. Una piccolissima bicicletta, pieghevole e di colore rosso (una Brompton). La...


La mobilità sostenibile, la sicurezza stradale e le città sempre più a misura di pedoni e ciclisti saranno i temi dominanti di un convegno a Matera in programma sabato 23 novembre presso la sala consiliare del Palazzo della Provincia (via...


I moderni tessuti hanno enormi pregi e in breve con loro abbiamo ridefinito il modo in cui ci possiamo vestire durante l’attività fisica. Chi realizza capi da ciclismo come Bicycle Line ( impegnata anche nel versate sci di fondo )...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy