NIBALI: SONO DOVE VOLEVO ESSERE

PROFESSIONISTI | 16/07/2018 | 16:01
di Pier Augusto Stagi

Vincenzo Nibali si è allenato questa mattina con i compagni di squadra sulle strade della Savoia, una sgambata di un paio di ore, con un due colli, poi incontra i giornalisti al Tulip, l'albergo del team Bahrain, ad Aix-les-Bains.

LE PIETRE. «Quella di ieri è stata una tappa molto impegnativa, caotica direi,ma non avrebbe potuto essere diversamente. Il problema era quello di cercare di prendere i tratti in pavé davanti, poi una volta entrati era obbligatorio andare tutti in fila, non si poteva fare altro.Stando davanti si riusciva a vedere meglio la strada, dove mettere le ruote, c'era un po' meno polvere. La mia caduta? Davanti a noi il primo a cadere è stato uno della Fortuneo che si è toccato con un altro corridore, io ho schivato sia lui che Uran, poi mi si è impuntata la bici, sono caduto sull’erba e sono ripartito. Colbrelli era con me e mi ha dato la spinta, Franco (Pellizotti, ndr) è passato in quel momento, con noi c'era anche Gilbert e siamo rientrati agevolmente. Non abbiamo rischiato né sofferto».

BARRAGE. «Ho letto le dichiarazioni di Moscon, confesso che non mi sono accorto di nulla perhé quando sei davanti non hai tempo di pensare o vedere a quello che accade dietro. Ma di sicuro ieri il barrage ci stava tutto, a volte lo fanno in situazioni in cui si cono solo venti secondi e già bloccano tutto...».

ATTACCO. «Nel finale ho provato a muovermi, ma mi sono trovato bloccato. Una volta mi ha chiuso Peter (Sagan, ndr) del tutto involontariamente, l’altra volta si sono aperti tutti improvvisamente e non c’era più spazio. A quel punto ho pensato ad arrivare al traguardo e a non rischiare più nulla. Comunque è stata una giornata difficile per tutti: Koren ha un problema, un ematoma sotto il piede destro e non riesce a pedalare, ha fatto una radiografia e non sappiamo se domani riparte, Gorka è rimasto dietro per via della ruota rotta, Colbrelli è caduto due volte, Haussler ha rotto il cambio...».

BILANCIO. «Dopo nove giorni sono dove volevo essere. Non ci sono state salite importanti, contava soprattutto non perdere terreno. E sono contento anche della squadra. Ho sentito e letto di varie critiche, ma io sono un corridore che per risalire il gruppo non ha bisogno di tutta la fila, mi muovo da solo o al massimo con un corridore o due. Per fare un esempio "veloce", Cipollini aveva bisogno del treno mentre McEwen faceva tutto da solo».

ALPI. «Ci aspettano tre giorni di salite, tre tappe molto impegnative. Domani c’è una salita più dura (la Montée des Glières, ndr) e tre sulle quali serve di più spingere, bisogna vedere quale sarà l’interpretazione della corsa. Di solito le Alpi sono più dure dei Pirenei, sarà importante capire se qualcuno vuol muoversi prima o se si aspetta l’ultima salita per dare battaglia».

AVVERSARI. «Come stanno i miei avversari? Non c’è stato terreno per poterli vedere all'opera: solo Martin al Mur de Bretagne ha fatto qualcosa di importante, ma va detto che quelli sono i suoi arrivi. Froome? Froome è Froome... ».

POZZOVIVO. «Avete visto come è andato forte Domenico? È pronto per le classiche. Ha corso molto vene, con grande attenzione e lucidità. E pensare che ieri era la sua prima volta assoluta. Non era potuto venire con noi a fare la ricognizione. È stato davvero bravissimo».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Lorenzo Balestra del Team F.lli Giorgi ivsitalia.com fa il vuoto nella classifica dell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Nove Colli e guida ora con 30 punti di vantaggio sul toscano Giorgio Butteroni (Ciclistica Cecina) e con 35 sul marchigiano Gianmarco Garofoli della...


Sonny Colbrelli, portacolori del Team Bahrain Merida, è stato protagonista di un’ottima prova ad Amburgo nella classica gara riservata ai velocisti e che ha visto trionfare per la seconda volta consecutiva il campione italiano Elia Viviani.Per lui una corsa d’attacco...


La formazione #YellowFluoOrange attende la prima edizione della Veenendaal - Veenendaal Classic femminile, in programma oggi. Questa classica in linea, che per molti anni è stata riservata ai soli atleti uomini,  si disputa sulla distanza di 136.8 km attorno alla cittadina...


Con la maglia di campionessa europea sulle spalle, Marta Bastianelli allunga in testa alla classifica dell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Alé. E al secondo posto si insedia la campionessa del mondo della corsa a punti Maria Giulia Confalonieri. Dietro di loro...


La giornata trionfale degli azzurri continua. Gloria Scarsi mette la firma sul terzo titolo europeo vincendo la medaglia d’oro nello Scratch juniores. La giovanissima savonese, della Valcar PBM, batte in finale la belga Shari Bossuyt e la russa Anastasia Lukashenko....


Ha atteso il rientro del suo papà dal Benelux dove è stato impegnato nel Binck Bank Tour per nascere Liam, figlio di Ronny Baron, il meccanico della Bahrain Merida, e di mamma Maila. A dare la notizia è stato nonno...


Andrea Villanti, ventunenne ciclista della piccola formazione dilettantistica toscana Polisportiva Tripetetolo, è stato condannato dall’Uci a quattro anni di squalifica.Il 25 marzo scorso, Villanti era in gara nel Criterium di Monaco (per lui era arrivato il quarto posto) e era...


Nella finale tutta azzurra dell'inseguimento individuale femminile Marta Cavalli conquista la medaglia d'Oro in 3'23"303 battendo la connazionale Martina Alzina (3'39"993) che già aveva superato nettamente nelle prove di qualificazione. Bronzo per la russa Natalia Studenikina (3'34"446). Forza e determinazione sono state...


Grande spettacolo nel tradizioale Gp Stad Zottegem, corsa belga il cui tracciato propone diversi muri delle Fiandre. A conquistare il successo è stato Jérôme Baugnies della Wanty-Groupe Gobert che in uno sprint a due ha avuto la meglio sul connazionale...


Emozioni allo stato puro. Non ci sono altri termini per descrivere la nuova vittoria di Michele Corradini che a 48 ore di distanza dal successo al Giro del Casentino oggi ha concesso il bis conquistando anche il 50° Trofeo Chianti...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy