FICARA NON MOLLA: ALL'INIZIO DI MARZO SARÒ IN SELLA

PROFESSIONISTI | 14/02/2018 | 07:47

Il ventiseienne Pierpaolo Ficara, capitano di Amore & Vita Prodir, lunedi è stato dimesso dall’ospedale di Cisanello dopo essere stato vittima di un rovinoso incidente in allenamento il 25 gennaio sulle strade di Volterra. Al promettente professionista siciliano Ivano e Cristian Fanini avevano affibbiato i gradi di capitano e concentrato su di lui le più grandi aspettative in questa stagione.

Ficara è un corridore abituato alla fatica e ad inseguire i suoi progetti. Da dilettante aveva la fiammata nelle gambe, proprio quelle gambe martoriate da due seri infortuni:a Philadelphia nel 2016 e quello di due settimane fa. Lo spunto veloce lo aveva portato nella scorsa stagione a vincere tre gare: la prima al Giro dell’Eritrea nella Fenkil Nort hern, la seconda in una tappa al Giro dell’Albania ed infine si era imposto nella 2.a tappa al Tour du Jura in Francia.

Ma quest’anno gli obiettivi erano per lui molto più ambiziosi e concentrati sulle gare della Ciclismo Cup che vide lo scorso anno Amore e Vita protagonista assoluta con due vittorie. Sulle strade di Volterra i sogni suoi e della sua squadra si sono in parte infranti perchè la caduta gli impone di ricominciare la preparazione una volta che avrà recuperato le migliori condizioni fisiche.

«Ho un credito enorme con la buona sorte» dice Ficara dalla sua abitazione di Siracusa all’indomani del ritorno a casa».

Ma cosa è accaduto a Volterra?

«Stavo volgendo un normale allenamento. Poi l’ammiraglia che ci seguiva in allenamento ci sorpassa. Nel farlo urta il mio compagno Antonio Zulllo che, per mantenere l’equilibrio, involontariamente mi viene addosso. Stavamo pedalando ad andatura sostenuta e nella caduta ho rimediato il peggio, dopo non ho visto più niente».

Trasportato in elisoccorso a Cisanello è stato operato d’urgenza. Nella caduta ha rimediato la doppia frattura di tibia e perone alla gamba sinistra, una frattura al gomito destro, un nervo ed un tendine recisi.

«Comunque - dice il corridore siciliano - ho trovato anche dopo questo secondo grave infortunio, le motivazioni e le risorse che mi permettono di perseverare e di tornare in bicicletta. Già ora inizio ad appoggiare il piede a terra e presto inizierò la riabilitazione ed a fare palestra. Devo ringraziare la fiducia del Team Fanini, in particolare patron Ivano che ha sempre creduto in me e gli prometto che farò di tutto per recuperare il tempo perso. I miei obiettivi rimangono il Giro dell’Appennino, anche se non so se riuscirò ad aver recuperato appieno e soprattutto le gare estive come Agostoni, Bernocchi ed il Memorial Pantani del 22 settembre quando penso proprio di essere tornato al top della condizione. Già dai primi giorni di marzo sono fiducioso di rimettermi a pedalare. Ringrazio il dottor Di Grandi e tutto il suo staff medico per avermi seguito e consentito di essere già a casa dopo nemmeno 15 giorni dall’incidente».

A Philadelphia nel 2016 il primo grave infortunio dove rischiò perfino di perdere la vita. «La dinamica li fu completamente differente: andai a sbattere ad un incrocio con una macchina per un guasto meccanico alla bicicletta. Mi si ruppe la forcella e non potetti deviare l’impatto». 

Conseguenza: rottura di scapola e omero, 6 vertebre e 4 costole fratturate, perforazione della trachea ed un danno al fegato. Un trauma superato e poi la sfortuna l’ha nuovamente preso di mira.

di Valter Nier, da Il Tirreno

Copyright © TBW
COMMENTI
Forza Pierpaolo
14 febbraio 2018 19:36 pietrogiuliani
Sei un atleta forte, serio e caparbio, sicuramente ritornerai molto più forte di prima. Fai bene a non mollare! Lotta sempre come sai e vedrai che il futuro saprà ripagarti presto! In bocca al lupo corridore!!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Sonny Colbrelli, portacolori del Team Bahrain Merida, è stato protagonista di un’ottima prova ad Amburgo nella classica gara riservata ai velocisti e che ha visto trionfare per la seconda volta consecutiva il campione italiano Elia Viviani.Per lui una corsa d’attacco...


Quattro affermazioni per i ciclisti appartenenti ai team della provincia di Treviso per merito di Mila Lunardelli, Paolo Leone, Anastasia Durigon e Beatrice Giuriati; tre per quelli di Padova (Elisa Cacco, Filippo Sabbadin e Riccardo Zecchin) e due ciascuno per...


Lorenzo Balestra del Team F.lli Giorgi ivsitalia.com fa il vuoto nella classifica dell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Nove Colli e guida ora con 30 punti di vantaggio sul toscano Giorgio Butteroni (Ciclistica Cecina) e con 35 sul marchigiano Gianmarco Garofoli della...


La formazione #YellowFluoOrange attende la prima edizione della Veenendaal - Veenendaal Classic femminile, in programma oggi. Questa classica in linea, che per molti anni è stata riservata ai soli atleti uomini,  si disputa sulla distanza di 136.8 km attorno alla cittadina...


Con la maglia di campionessa europea sulle spalle, Marta Bastianelli allunga in testa alla classifica dell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Alé. E al secondo posto si insedia la campionessa del mondo della corsa a punti Maria Giulia Confalonieri. Dietro di loro...


La giornata trionfale degli azzurri continua. Gloria Scarsi mette la firma sul terzo titolo europeo vincendo la medaglia d’oro nello Scratch juniores. La giovanissima savonese, della Valcar PBM, batte in finale la belga Shari Bossuyt e la russa Anastasia Lukashenko....


Ha atteso il rientro del suo papà dal Benelux dove è stato impegnato nel Binck Bank Tour per nascere Liam, figlio di Ronny Baron, il meccanico della Bahrain Merida, e di mamma Maila. A dare la notizia è stato nonno...


Andrea Villanti, ventunenne ciclista della piccola formazione dilettantistica toscana Polisportiva Tripetetolo, è stato condannato dall’Uci a quattro anni di squalifica.Il 25 marzo scorso, Villanti era in gara nel Criterium di Monaco (per lui era arrivato il quarto posto) e era...


Nella finale tutta azzurra dell'inseguimento individuale femminile Marta Cavalli conquista la medaglia d'Oro in 3'23"303 battendo la connazionale Martina Alzina (3'39"993) che già aveva superato nettamente nelle prove di qualificazione. Bronzo per la russa Natalia Studenikina (3'34"446). Forza e determinazione sono state...


Grande spettacolo nel tradizioale Gp Stad Zottegem, corsa belga il cui tracciato propone diversi muri delle Fiandre. A conquistare il successo è stato Jérôme Baugnies della Wanty-Groupe Gobert che in uno sprint a due ha avuto la meglio sul connazionale...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy