L'ORA DEL PASTO. E ADESSO, AFRICA

STORIA | 13/01/2018 | 07:10
Bongo – Omar Bongo – era il presidente della Repubblica gabonese. Amissa – Amissa Bongo – è la figlia di Omar. Tropicale è quella fascia della Terra compresa fra il Tropico del Cancro e il Tropico del Capricorno.

Tropicale Amissa Bongo è la prima corsa dell’anno
e si disputa nel Gabon: la prima edizione risale al 2006, la tredicesima si tiene da domenica 15 a sabato 21 gennaio, sette tappe (la più breve 115 km, la più lunga 182, totale 1011 km), categoria 2.1.

E Andrea Palini sta alla Tropicale Amissa Bongo – con le dovute proporzioni – come Mario Cipollini al Giro d’Italia e Gino Bartali (con Cipollini) al Tour de France: è il corridore italiano che ha vinto di più. In Gabon il corridore bresciano – da professionista, una quindicina di vittorie più due cronosquadre – ha conquistato quattro tappe in tre giri: la prima nel 2013, la seconda nel 2015, la terza e la quarta nel 2016 (più il secondo posto nella generale e il primo nella classifica a punti nel 2016). Stavolta Palini non ci sarà: non è riuscito a rinnovare il contratto con l’Androni, e così si è iscritto a un corso biennale da massaggiatore a Bergamo e a Pian Camuno, dove abita, e intanto si occupa del frutteto del suocero, soprattutto mele, e poi mirtilli, pere, pesche, albicocche, ciliegie…

Gabon: “Un territorio grande un po’ meno dell’Italia, una popolazione di un paio di milioni, un clima equatoriale, pianura e savana, mare e foreste – spiega Palini -. I percorsi delle tappe non sono mai piatti, hanno continui saliscendi, tante collinette, in gergo ‘sciacquoni’, a metà fra la Franciacorta e le Ardenne. La partenza nella tarda mattinata, l’arrivo nel pomeriggio, forse per la tv. Caldo e umidità: a volte soffocanti. Gente: tantissima, non solo nella capitale, Libreville, ma anche nei villaggi e lungo il percorso, forse perché gli abitanti coltivano la terra, allevano o cacciano gli animali, lavorano nella foresta, e così, al passaggio della corsa, si riversano lungo la strada. Giornalisti: uno dell’Equipe, un paio di quelli che seguono le corse anche in Asia, poi i locali, parlando in francese o in inglese, per dire che ero contento di avere vinto o che volevo ringraziare i miei compagni di squadra o che dedicavo la vittoria alla mia ragazza, me la cavavo”.

Pronti-via: “Strategie, zero. Si corre alla garibaldina: attacchi e contrattacchi, fughe e controfughe, nessuna squadra è in grado di controllare la corsa, nessuno vuole stringere alleanze, ogni fuga può essere quella buona per vincere non solo la tappa, ma la generale. E poi i corridori africani: atletici ma sprovveduti, gli eritrei sembrano i più organizzati, i gabonesi quelli più grezzi. Uno di loro mi ha raccontato che una settimana prima dell’inizio della Tropicale cominciano ad allenarsi seriamente, 200 km al giorno, con il risultato che, quando comincia la corsa, sono già stanchi morti e si staccano subito. La verità è che sono dilettanti, corrono per piacere, per sognare, per vivere un sogno, ma nella vita di tutti i giorni hanno altri mestieri”.

E poi: “L’organizzazione è francese, in parte i responsabili collaborano con l’Aso. Gli alberghi sono semplici, ma ogni anno migliorano. L’alimentazione – regolata dagli organizzatori – propone gran riso in bianco, ma anche pasta con una passatina di pomodoro, ma il parmigiano te lo puoi scordare. Le miss sono locali, non indossano vestiti locali, ma le divise e i colori degli sponsor. Io ho corso anche in Cina e in Malesia, in Egitto e negli Emirati Arabi, ma in Gabon ho forse provato emozioni più forti. La natura ti appare in tutta la sua forza, quasi prepotenza”.

Marco Pastonesi

Tuttobiciweb seguirà la Tropicale Amissa Bongo con il diario quotidiano di Massimo Rosa, neoprofessionista della Wilier-Selle Italia. Ogni giorno – su whatsapp con il nostro Marco Pastonesi - la sua Africa.

Marco Pastonesi
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

GSG, marchio d’abbigliamento “Made in Italy”, ha siglato una nuova prestigiosa collaborazione diventando partner della nuova corsa a tappe italiana: l’Adriatica Ionica Race. Per la prima edizione della corsa, che comincerà il prossimo 20 giugno, GSG firmerà le maglie dei...


Continua l’ascesa di Selle Italia alla conquista dei più importanti eventi ciclistici al mondo. Dopo la collaborazione con il Giro d’Italia, attiva da ben 18 anni e da poco confermata fino al 2020, l’azienda di Asolo si prepara oggi a...


Parla abruzzese, in queste prime settimane, l'Oscar tuttoBICI Gran Premio Androni Giocattoli: al comando tenta la fuga, infatti, Eleonora Ciabocco del Team Di Federico Pink, mentre al suo inseguimento si sono lanciate l'emiliana Giulia Raimondi, la toscana Beatrice Bertolini e...


In queste ore si va completando l’elenco degli iscritti al Campionato Italiano U23 in programma sabato a Taino (VA). Ad oggi all’8° Trofeo Corri per la Mamma e 8° Trofeo Giuseppe Giucolsi a.m. – 4° Coppa dei Laghi Trofeo Almar, che...


Va delineandosi in modo sempre più completo quello che sarà lo schieramento di partenza del 75° Tour de Pologne, corsa World Tour in programma dal 4 al 10 agosto. 22 squadre di 7 corridori ciascuna al via: le 18 formazioni...


Ci saranno anche i campioni del Sudamerica alla prossima edizione della 6 Giorni delle Rose Internazionale di Fiorenzuola (Piacenza), in programma dal 4 al 9 luglio (programma sul sito www.fiorenzuolatrack.it). I cileni Antonio Cabrera e Felipe Penaloza, freschi del trionfo...


Eleonora Gasparrini, che di Oscar se ne intende..., vola in testa alla classifica generale dell'Oscar tuttoBICI Gran premio Mapei: la piemontese guida davanti all'emiliana Patuelli, l'abruzzese Patuelli e la veneta Michieletto. La stagione ormai è entrata nel vivo e la...


Proprio al Tour de Savoie Mont Blanc, 12 mesi fa, Colin Stussi si mise in luce al grande pubblico del ciclismo professionistico, con una serrata battaglia con il fenomeno colombiano Egan Bernal, oggi al Team SKY e spalla fondamentale di...


L'avvocato Fiorenzo Alessi, ciclista praticante e appassionato, ci propone in questa lettera una simpatica riflessione sullo scontro tra l'automobilista che ha morso l'orecchio ad una automobilista. Riflessione che, ovviamente, non estingue il reato.. Caro Direttore, se non m'inganno, non ho...


Bernard Hinault non le ha mai mandate a dire e non lo fa nemmeno nell’intervista concessa al quotidiano bretone Ouest-France. Sul caso Froome, l’invito ai corridori è semplice quanto drastico: «Scioperate».«Per me - dice Hinault - Christopher Froome non dovrebbe...


VIDEO





DIGITAL EDITION
I PIU' LETTI
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy