SUL CORRIERE: CHI COMANDA IN FEDERCICLISMO?

POLITICA | 08/09/2022 | 19:44
di Marco Bonarrigo

Questo pomeriggio Marco Bonarrigo sul sito del Corriere della Sera ha tracciato un profilo di una figura apicale della Federciclismo: Roberto Amadio. Il Team Manager delle squadre azzurre, uno degli uomini più potenti della Federciclismo.


«La mia idea è quella di creare per il ciclismo italiano un brand più importante. Vogliamo lavorare per valorizzare al massimo il movimento e gli uomini con la convinzione che solo da questa crescita possono nascere le premesse per attirare sponsor e costruire un futuro migliore per il nostro sport». Con queste parole — era il giugno 2021 — Roberto Amadio spiegò il progetto che stava dietro al suo ruolo di nuovo (e inedito per la Fci) manager delle Nazionali di ciclismo azzurre. Una promozione lampo, soltanto tre mesi dopo il suo ingresso in Federciclismo nel ruolo di responsabile della Struttura Tecnica.


Il «licenziamento» di Cassani

Due mesi dopo — in agosto — Amadio non concesse a Davide Cassani, responsabile di tutti i commissari tecnici azzurri, il pass per le prove su pista dei Giochi. «Terminate le loro gare — spiegò al Corriere della Sera il manager friulano — tutti i tecnici devono lasciare Tokyo: è il regolamento olimpico. Cassani non fa eccezione. Io? Io sono team manager della Nazionale e quindi resto». A inizio settembre 2022 Davide Cassani — che uscì dalla Federciclismo a fine 2021 — ricordò quei giorni così sul suo profilo Facebook, in una lettera aperta al presidente federale Dagnoni: «Sapevi benissimo che il quartetto di Marco Villa avrebbe lottato per l’oro — ha scritto Cassani — e per questo mi hai fatto telefonare da Roberto Amadio due giorni prima della mia partenza per Tokyo. Ancora oggi quelle parole mi rimbombano in testa: «Davide, non puoi stare a Tokyo per le gare in pista perché non c’è un pass per te». Quel giorno se tu mi avessi colpito con un pugno in faccia mi avresti fatto molto meno male. Ma forse ora puoi capire cosa ho provato in quei giorni». Amadio, il potentissimo

Con la Federciclismo nella bufera da metà agosto per i misteriosi 106 mila euro di provvigioni per raccogliere sponsor, attribuiti prima a un intermediario irlandese, poi a cinque soggetti che non avevano ricevuto mandato per procacciarli, si delinea meglio il ruolo dell’ex corridore Amadio, un uomo che in poco più di un anno ha assunto un ruolo e un potere senza precedenti nella centenaria storia della Federciclismo.

Ex ciclista

Classe 1963, veneziano trapiantato in Friuli, Amadio fu ciclista professionista di non particolare spessore ma contribuì nel 1986 alla conquista del titolo mondiale dell’inseguimento a squadre su pista. Dal 2005 al 2014 guidò come team manager quella Liquigas Cannondale che (lanciando tra gli altri Nibali e Sagan) fu l’ultima squadra di alto livello del ciclismo italiano. Con la chiusura del team per abbandono dello sponsor, Amadio dovette inventarsi un altro mestiere.

L’uomo d’affari

Mentre gestiva ancora la Liquigas (e fino al 12 novembre 2010, quando cedette la sua quota) Amadio era socio della T & F Sport Management di avenue de Citronniers a Montecarlo, società controllata dal vicentino Claudio Tessera che si occupava di gestione del diritto di immagine di decine di ciclisti professionisti. Sugli affari del gruppo indagò la Procura di Padova: un procedimento penale (la celebre «Operazione Mito») non viene mai celebrato ma molti atleti (anche di chiara fama) patteggiarono con l’Agenzia delle Entrate la conversione di pene detentive in pecuniarie per evasione fiscale. Claudio Tessera e il mistero irlandese

Il nome di Claudio Tessera (non più legato ad Amadio) torna a galla all’inizio dello scorso agosto quando Norma Gimondi, vice presidente della Federciclismo, rileva che nel verbale di una seduta del Consiglio Federale sottoposta ai consiglieri per la ratifica è prevista la delega al presidente Dagnoni di liquidare 106mila euro di provvigioni per aver reperito 5 sponsor, a una società irlandese, la Reiwa Investments Ldt, con sede a Dublino. Gimondi blocca l’approvazione, si dimette e lo scandalo scoppia.

per leggere tutto l'articolo, su Corriere.it

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La vita ti da tanto ma a volte ti toglie più di quello che potresti immaginare. Hai una vita fatta di famiglia, moglie, figlia, genitori, amici, hai un lavoro che ami che hai costruito con gli anni. Hai una bella...


E' andato tutto bene e il sorriso di Gianluca Brambilla nella foto è più che eloquente. Operato sabato scorso di appendicite, il corridore veneto ha già iniziato la fase di recupero in vista della preparazione per la prossima stagione, la...


Riecco Tom Pidcock in modalità super. Alla terza occasione, l'Urban Cross di Kortrijk (challenge X2O Badkamers Trofee), l'iridato della Ineos Grenadiers, ha fatto il vuoto fin dalle prime battute iniziali ed è andato a trionfare con distacchi sulla concorrenza. il...


Il classico Urban Cross di Kortrijk, in Belgio, incorona Marianne Vos (Jumbo Visma). La campionessa della mondo vince allo sprint la prova della challange X2O Badkamers Trofee per donne elite superando la connazionale Ceylin Del Carmen Alvarado (Alpecin Deceuninck). Terza...


Prima gara e subito vittoria per Silvia Persico (Fas Airport Service). La campionessa d'Italia trionfa infatti nell'internazionale Gran Premio Valfontanabuona di Ciclocross per donne elite, che si è disputata a San San Colombano Certenoli in provincia di Genova. Partenza velocissima...


Bel colpo di mercato per il team Hopplà Petroli Firenze Don Camillo. La squadra sponsorizzata da Sandro Pelatti, Claudio Lastrucci e Andrea Benelli si è assicurata le prestazioni di Nicolas Gomez per la stagione 2023.Il velocista colombiano, classe 2000 dopo...


Federico Ceolin ribadisce il suo stato di forma vincendo l'internazionale Gran Premio Valfontanabuona di Ciclocross a San Colombano Certenoli, provincia di Genova. Il corridore Elite della Beltrami TSA Tre Colli ha preceduto di 17" Marco Pavan (DP66 Giant Smp) e...


Grazie all’organizzazione nel dietro le quinte della Lucania Bike, a Palazzo San Gervasio è in programma domenica 27 novembre la manifestazione promozionale Bike Aut – Pedaliamo per l’Inclusione per bambini tesserati e non dai 5 ai 15 anni. Al di...


Vedere anche la Uno-X nella lista delle squadre che hanno fatto richiesta per la licenza WorldTour ha fatto sorgere qualche punto di domanda a diversi addetti ai lavori. La formazione norvegese, infatti, ha chiuso al 22° posto nel ranking triennale...


Scatta oggi da San Colombano Certenoli la stagione della FAS Airport Services, squadra femminile di ciclocross nata nel 2021 che anche quest’anno affronterà un calendario di prestigio per preparare al meglio le proprie atlete alle maggiori competizioni internazionali. “Affrontare un...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach