HOME | EDIZIONE DIGITALE | SQUADRE | ATLETI | CALENDARIO PROF. 2017 | OSCAR | RIVISTA | TUTTOBICITECH |  
 
IL SITO DI RIFERIMENTO DEL CICLISMO ITALIANO
GIRARDENGO COSTANTE
Nato a Novi Ligure il 18 marzo 1893, è stato il primo "campionissimo" della storia del ciclismo. A vent'anni (era il 1913) cominciò ad inanellare una inimitabile collezione di successi che lo hanno fatto entrare nella leggenda.Le vittorie più importanti: otto Campionati Italiani su strada, sei Milano-Sanremo, due Giri d'Italia, cinque Milano-Torino, cinque Giri dell'Emilia, quattro Giri del Veneto, tre Giri di Lombardia, tre Giri del Piemonte, un Gran Premio Wolber (nel 1924) una sorta di Campionato del Mondo successivamente istituito nel 1927. In una intervista gli fu posta una domanda: Quanto rendeva una "Sanremo" vinta ? Lui rispose così: "Si aveva un premio di tre quattro mila lire.Io avevo 20 lire a chilometro dalla mia ditta: diecimila in totale. Ci si comprava un appartamento. Oggi... due tubolari! Ti dirò ancora una cosa: nel 1913, io ero campione d'Italia, la 'Maino' mi passava un mensile di 80 Lire: dicevano in giro che avevo uno stipendio da ministro ...".
Tra le sue 107 vittorie, ben trenta le ottenne in tappe del giro d’Italia. Continuò a correre fino a 43 anni compiuti, dedicandosi in particolare alle gare su pista. Terminata la carriera, divenne commissario tecnico della nazionale e guidò Bartali al successo nel Tour de France del 1938. È morto il 9 febbraio del 1978.
 
I PIU' LETTI
 
DA NON PERDERE
RITRATTI DALLA A ALLA Z
+ Tutti i ritratti
ALBI D'ORO
+ Albi d'oro
OSCAR TUTTOBICI
+ Oscar tuttoBICI
I NOSTRI LIBRI

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy