HOME | EDIZIONE DIGITALE | SQUADRE | ATLETI | CALENDARIO PROF. 2017 | OSCAR | RIVISTA | TUTTOBICITECH |  
 
IL SITO DI RIFERIMENTO DEL CICLISMO ITALIANO
AGOSTINHO JOAQUIM
(Nato a Estremadura - Portogallo - il 7 aprile 1942. Morto il 10 maggio 1984 a Lisbona) passista-scalatore, è stato professionista dal 1968 al 1984 con 30 vittorie. È morto in seguito alle conseguenze di una caduta all'arrivo di una tappa del Giro di Porto (Portogallo), mentre dopo un'interruzione riprendeva la sua lunga carriera. Si fece notare ventiseienne dopo la vittoria a sensazione nel Giro di San Paolo (Brasile) fra i dilettanti, quando debuttò nel Campionato del Mondo a Imola del quale fu protagonista. Corridore dalla potenza fisica esplosiva e di eccezionale temperamento non ha ottenuto le vittorie che avrebbe meritato per l'irrazionalità del suo comportamento: è stato fra l'altro retrocesso perdendo le vittorie già ottenute nei Giri del Portogallo del '69 e '73 e in due tappe del Tour (a vantaggio di Mogens Frey e di Merckx) per scorrettezze e positività al controllo doping. Miglior ciclista del Portogallo è stato campione nazionale ininterrottamente dal '68 al '73 su strada, nel '71 dell'inseguimento, ha vinto il Giro del Portogallo nel '70, nel '71 e '72; in Italia (con la maglia della Magniflex) vinse un Trofeo Baracchi in coppia con Van Springel nel '69.
 
I PIU' LETTI
 
DA NON PERDERE
RITRATTI DALLA A ALLA Z
+ Tutti i ritratti
ALBI D'ORO
+ Albi d'oro
OSCAR TUTTOBICI
+ Oscar tuttoBICI
I NOSTRI LIBRI

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy