HOME | EDIZIONE DIGITALE | SQUADRE | ATLETI | CALENDARIO PROF. 2017 | OSCAR | RIVISTA | TUTTOBICITECH |  
 
IL SITO DI RIFERIMENTO DEL CICLISMO ITALIANO

REVERBERI. ZIO BRUNO FA 75

 
PROFESSIONISTI | Zio Bruno - al secolo Bruno Reverberi - compie 75 anni. E a smettere di correre non ci pensa nemmeno. D’altra parte lo fa dal 1957: ha corso da garzone di meccanico, da meccanico, da corridore, da direttore sportivo, da Zio, da team manager, sempre.

LA PRIMA GARA. «Era il 1957. La Reggio Emilia-Casina, a cronometro, da non tesserato. Primo Vittorio Adorni, ventisettesimo io e fra noi Romano Prodi. Risultato falsato… da me: appena partito, mi accorsi che mi caduto l’orologio, girai la bici, tornai alla partenza, raccolsi l’orologio, lo riallacciai al polso e ripartii. Forse avrei battuto Prodi, chissà».

LA PRIMA BICI. «La ricordo bene, era una Marastoni: costata 40 mila lire, due mesi di stipendio da operaio. A Reggio Emilia allora c’erano tre artigiani: Marastoni, Pecorari e Corradini. Marastoni le faceva tutte verdi, Pecorari tutte rosse, Corradini tutte blu».

LO ZIO CORRIDORE.
«Una carriera breve e modesta: un anno da esordiente nella Cooperativa Manfredi, due da allievo nella Bagnolese, uno da dilettante - a 19 anni, uno meno di adesso - nel Burro Giglio. Ma ero il sesto di otto figli, cinque sorelle e tre fratelli, era tempo di miseria e di fame. Superato l’esame di ammissione alla prima media, d’estate andai a fare il garzone di meccanico. Piangevo, perché avrei voluto continuare ad andare a scuola. E quando cominciai a fare il direttore sportivo, avevo corridori più giovani di me».

LO ZIO DIESSE. Prima squadra tutta sua la Termolan Galli nel 1982 con Daniele Antinori, Daniele Caroli, Davide Cassani, Claudio Ghirlanda, Orlando Maini, Jorgen Marcussen, Enea Montanaro, Enrico Montanari, Filippo Piersanti ed Emilio Rizzi.

Da allora, lo Zio Bruno ha saputo seguire i mille cambiamenti di un ciclismo che davvero non è più come prima, ha saputo cavalcare gli alti e bassi che inevitabilmente una carriera lunghissima propone, ha fatto crescere tanti ragazzi, lanciato campioni, vinto tappe del Giro d’Italia e grandi corse, conquistato maglie e navigato a vista con formazioni che “piccole” lo sono sempre state per definizione ma mai per effettiva sostanza.
E non ha ancora finito il suo lavoro. Buon compleanno, Zio.

a cura della redazione di tuttobiciweb
 
13 Agosto 2017 | 07:18
 
Copyright © TBW
 
COMMENTI
Domenica 13/8/2017    froome
AUGURI. At si al pu fort!
 
????
Lunedì 14/8/2017    IngZanatta
A me risulta che Reverberi sia nato nel 1946 ... cosa e', uno scherzo?
 

Per poter commentare i post devi esser registrato.
Se sei giá nostro utente esegui il login altrimenti registrati.
 
Username:Password: 
 
Hai dimenticato i tuoi dati? Clicca qui
 
 
I PIU' LETTI
 
DA NON PERDERE
RITRATTI DALLA A ALLA Z
+ Tutti i ritratti
ALBI D'ORO
+ Albi d'oro
OSCAR TUTTOBICI
+ Oscar tuttoBICI
I NOSTRI LIBRI

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy