HOME | EDIZIONE DIGITALE | SQUADRE | ATLETI | CALENDARIO PROF. 2017 | OSCAR | RIVISTA | TUTTOBICITECH |  
 
IL SITO DI RIFERIMENTO DEL CICLISMO ITALIANO

VINOKOUROV: «ARU CI HA TRADITO»

«Aveva ancora l'opzione per un anno con la Astana»

 
PROFESSIONISTI | Alexandre Vinokourov non va certo per il sottile quando gli chiedono di commentare il trasferimento di Fabio Aru alla UAE: «Aveva ancora attiva l'opzione di un anno di contratto con noil. E non ci ha mai detto della sua volontà di lasciare la Astana. Gli abbiamo chiesto con regolarità se ci fossero novità, ma lui non ci ha mai risposto. E ieri abbiamo appreso dalla stampa del suo trasferimento. È estremamente deludente da parte sua. Ci mette in una situazione difficile perché a questo punto della stagione è impossibile trovare un'alternatva dello stesso livello, un atleta che possa vincere il Tour de France».

Nel corso dell'estate l'Astana ha sondato il terreno tanto per Uran quanto per Quintana ma in entrambi i casi Vinokourov aveva dichiarato di voler puntare tutto su Aru.
 
18 Ottobre 2017 | 07:59
 
Copyright © TBW
 
COMMENTI
Vino.... non fare l'ingenuo!
Mercoledì 18/10/2017    geo
Lo sapevano anche quelli che ripongono le transenne degli arrivi che Aru se n'è sarebbe andato via. Vino mente sapendo di mentire.
In Astana pagano, anche abbastanza bene, ma non sei mai certo di nulla. Come Aru al Tour, che aveva gregari, ma se c'era in fuga un kazaco, Astana si dimenticava del sardo. Martinelli si adegua alle decisioni, comanda solo quando conviene a loro, anche lui "tiene famiglia", ma probabilmente un giorno dirà tutto (al tour non era sempre la sua la prima ammiraglia dietro al capitano).
I kazachi altra mentalità, lontana da quella italiana.
 
xgeo
Mercoledì 18/10/2017    limatore
ogniuno tira l'acqua al suo mulino, è chiaro. Riguardo alla "mentalità Italiana" meglio così, guarda dove ci ha portato. Secondi nel ranking UCI per Nazioni e nemmeno un team.
 
Mercoledì 18/10/2017    VociDalGruppo
Vinokurov non è l'ultimo arrivato... certamente conosceva la situazione. Comunque non deve disperare, non è facile trovare un corridore che possa vincere il tour e certamente non lo vincerà uno come Fabio Aru... almeno fino a che la sua condizione sarà così altalenante e poco ricca di vittorie come ora.
 
Per favore Spiegateglielo a Vinokourov.
Mercoledì 18/10/2017    Bastiano
Questo parla come se stesse a parlare con i kazaki, che di fronte ai potenti, devono far finta di credere a tutto ma, non è così. Chi ha la libertà di usare il proprio cervello, non può far finta di credere alle stupidaggini di Vino.
Apri gli occhi e renditi conto che, con i soldi nel tuo Paese puoi comprare anche l'anima delle persone, nel nostro Paese, ti fanno le pernacchie.
 
Mercoledì 18/10/2017    froome
La cosa è semplice, Aru cambia squadra perchè prende più soldi, ma si è dimenticato dell'opzione che gli creerà qualche grattacapo. Inoltre è stato spinto dai giornalai italiani (Gazzetta e BS) che non hanno mai gradito la squadra Kazaka, anche perchè visto che pagano loro è chiaro che comandano loro. Per il resto, non sono d'accordo quando si parla di Aru che non aveva squadra. Ricordo che Dumoulin ha vinto il Giro e Uran è arrivato secondo al Tour, mentre Aru vinse una Vuelta grazie ad una grande squadra. Se quest'anno al Tour non è stata così, basta dare un'occhiata agli infortuni e alla tragedia di Scarponi.
 
Ovvio
Mercoledì 18/10/2017    Randagio
Aru per come la penso io non è di certo un fuoriclasse come Nibali ma se entrambi hanno mollato l'astana (credo che abbiano offerto molti soldi anche a vincenzo per restare) un motivo ci sarà...tralaltro ricordo un intervista al giro in cui vino diceva :"se gli interessano i soldi se ne va,se gli interessa il progetto resta" quindi non faccia il finto tonto...e ricordo all'astana che hanno acquistato un certo Davide Villella,dategli spazio e fatelo crescere,non credo che deluderà
 
parole sorprendenti
Mercoledì 18/10/2017    pickett
L'Astana aveva già designato come capitano per il prossimo Tour Fuglsang.E ha tra le sue fila Superman Lopez,che ritengo nettamente superiore ad Aru.Evidentemente Vino vorrà far pesare l'opzione non rispettata,tutto qui.Quanto a Villella,ex grandissima speranza del nostro ciclismo,quando un corridore va a caccia dei gpm di seconda e terza categoria per portare a casa una maglia assolutamente insignificante( se conquistata a quel modo) significa che non ha + ambizioni di diventare un big,e ha gettato la spugna.
 
tutti dimenticano tutto
Mercoledì 18/10/2017    ewiwa
Aru trattato a pesci in faccia dall'Astana...basta dire che al Tour il capitano designato era Fulgsang...poi tutti dimenticano tutto facilmente.
Non è nessuno Aru ancora giovanissimo: due podi al Giro, una Vuelta vinta battendo Doumulin mica pizza e fichi, un campionato Italiano, una tappa al Tour e che tappa, la maglia gialla persa perché fu abbandonato dalla squadra.
Vinoukurov fa finta di non capire , dietro Aru ci sono personaggi di spessore ed avvocati, ma quale opzione !!!!!

 
Pickett per me il gpm della Vuelta, conta!
Giovedì 19/10/2017    Monti1970
Lei dice che la classifica del GPM alla Vuelta non conta niente ma io che ho giocato "altro" nella classifica del gpm alla Vuelta è in altro c'era Villella .quindi grazie a Villella sono andato a riscuotere
 
Vigliaccata tremenda
Giovedì 19/10/2017    Leonk80
il vero tradimento è mandare i compagni di squadra in fuga a tentare di vincere una tappa con Lutsenko (tentativo goffo e velletario) invece di stare vicino ad Aru che non stava nemmeno bene. Al primo raffreddore ti accoltella alle spalle come un vigliacco. (e con Nibali non si sono comportati meglio).
 

Per poter commentare i post devi esser registrato.
Se sei giá nostro utente esegui il login altrimenti registrati.
 
Username:Password: 
 
Hai dimenticato i tuoi dati? Clicca qui
 
 
I PIU' LETTI
 
DA NON PERDERE
RITRATTI DALLA A ALLA Z
+ Tutti i ritratti
ALBI D'ORO
+ Albi d'oro
OSCAR TUTTOBICI
+ Oscar tuttoBICI
I NOSTRI LIBRI

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy