HOME | EDIZIONE DIGITALE | SQUADRE | ATLETI | CALENDARIO PROF. 2017 | OSCAR | RIVISTA | TUTTOBICITECH |  
 
IL SITO DI RIFERIMENTO DEL CICLISMO ITALIANO

QUINTANA. «VOGLIO ARRIVARE A PARIGI»

«La doppietta? Non è escluso che ci riprovi in futuro»

 
PROFESSIONISTI | Lo sguardo solitamente impenetrabile di Nairo Quintana stavolta lascia apparire un’ombra di tristezza: «Siamo molto delusi dai risultati, perché sono sempre stato abituato a lottare per vincere. E ora questa posizione è un duro colpo morale per tutta la squadra. Ma questa è la vita e bisogna accettarla, bisogna essere buoni perdenti così come siamo stati buoni vincitori. Per me è difficile capire perché il mio livello non sia il solito. Ma sono tranquillo perché so che ho lavorato bene».

Nel giorno di riposo a Puy en Velay il colombiano della Movistar torna anche sulla tappa di ieri: «È stata una giornata amara, perché le gambe non andavano come ordinava il cervello. Ci sono state critiche giuste e altre meno, perché la gente non sa quanti sacrifici ci siano dietro la preparazione di una stagione intera... Noi della Movistar stiamo comunque vivendo un anno molto buono e sono convinto che senza la caduta di Alejandro tutto sarebbe stato diverso».

«Ho vissuto giornate difficili, ma non ho perso la speranza di fare qualcosa di brillante. Staremo a vedere perché quello che è successo ieri, su un terreno era troppo esigente, non ci permette di capire come risponderà il mio fisico nei prossimi giorni. Di sicuto voglio continuare fino a Parigi e poi l'anno non è finito...».

E ancora: «Quattro corridori in messo minuto sono il simbolo di un Tour equilibrato come non era mai stato negli ultimi anni. E se è vero che c’è una squadra superiore alle altre, è altrettanto vero che finora non ha fatto la differenza come in passato».

Infine il bilancio della sua stagione: «Ho vinto la Valenciana e la Tirreno-Adriatico, la tappa regina nelle Asturie, un atappa al Giro e sono arrivato molto vicino al vincitore finale. Sono venuto qui con la speranza di fare meglio rispetto agli altri anni, ma ho pagato i tempi di recupero troppo brevi tra Giro e Tour. Non abbiamo nemmeno analizzato quel che è successo e non è il momento di farlo adesso. La doppietta? Pensarci adesso è difficile, ma rianalizzando quel che abbiamo fatto quest’anno non è escluso che si possa ritentare in futuro. Di sicuro il prossimo anno mi concentrerò solo sul Tour de France».
 
17 Luglio 2017 | 12:42
 
Copyright © TBW
 

Per poter commentare i post devi esser registrato.
Se sei giá nostro utente esegui il login altrimenti registrati.
 
Username:Password: 
 
Hai dimenticato i tuoi dati? Clicca qui
 
 
I PIU' LETTI
 
DA NON PERDERE
RITRATTI DALLA A ALLA Z
+ Tutti i ritratti
ALBI D'ORO
+ Albi d'oro
OSCAR TUTTOBICI
+ Oscar tuttoBICI
I NOSTRI LIBRI

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy