HOME | EDIZIONE DIGITALE | SQUADRE | ATLETI | CALENDARIO PROF. 2017 | OSCAR | RIVISTA | TUTTOBICITECH |  
 
IL SITO DI RIFERIMENTO DEL CICLISMO ITALIANO

SKY. BRAILSFORD ATTACCA LA UKAD

Il team manager della Sky al centro di un caso

 
PROFESSIONISTI | Dave Brailsford, general manager del Team Sky, alza il tiro e accusa il presidente della UK Anti-Doping (UKAD) di usare due pesi e due misure nell'indagine sul presunto uso di sostanze illecite nel ciclismo britannico.

Parlando nella sua prima conferenza stampa da quando è stato messo in discussione da una commissione parlamentare, tenuta nel ritiro del Team Sky, Brailsford ha criticato duramente David Kenworthy, presidente della UKAD.

Il Team Sky e la British Cycling sono al centro di una inchiesta parlamentare sull'uso di esenzioni a fini terapeutici (TUE) e su un misterioso pacchetto consegnato dalla Federazione a Bradley Wiggins nel corso del Delfinato 2011.

Brailsford ha dichiarato alla Commissione Parlamentare che gli era stato detto dall'ex medico del Team Sky Richard Freeman che il pacchetto, consegnato da un allenatore federale, conteneva Fluimucil, farmaco he combatte l'influenza.

«Sono molto sorpreso che Kenworthy sia uscito con quei commenti ("deludente" e "straordinario" sono le parole usate in modo ironico, ndr) e credo che la maggior parte delle persone preferirebbe aspettare fino a quando il processo fosse giunto a una conclusione, prima di esprimersi al riguardo. Ci hanno chiesto di rispettare il corso del processo, ma qualcuno non ha perso tempo per fare commenti. Ma l'unica cosa straordinaria è che qualcuno che doveva tacere ha fatto commenti impropri. Se c'è una denuncia, poi c'è un processo e l'autorità ha il diritto di indagare, parlare con le persone giuste e ottenere le informazioni. Ma se qualcuno salta a conclusioni affrettate, si crea solo confusione».

Brailsford ha scritto al riguardo una lettera di denuncia alla UKAD e sta cercando di tenere protetta la sua squadra: «Sarebbe stato preferibile se l'intero procedimento fosse stato completato prima di questo raduno, ma così non è. È qualcosa con cui ho a che fare io, ma il resto della squadra è concentrato sul lavoro da svolgere, niente li distrae, non è un problema loro».

Il Team Sky è stato anche costretto a spiegare l'uso di farmaci anti-infiammatori da parte di Bradley Wiggins - emerso dagli archivi del Cio e della Wada hackerati -  prima del Tour 2011, prima del suo trionfo nel 2012 e prima del Giro d'Italia 2013.
Da parte sua, la scorsa settimana Chris Froome ha detto di aver rifiutato di ricorrere ad una TUE nella settimana conclusiva del Tour 2015, decisione presa per ragioni morali, nonostante il team gli consigliasse di assumere i farmaci.
Brailsford ha detto di aver apprezzato la posizione di Froome: «Chris è fatto così. Quello di cui tutti hanno bisogno è che sia fatta reale chiarezza sull'utilizzo delle TUE: servono procedure più severe e maggior controlli da parte delle autorità».
 
11 Gennaio 2017 | 07:32
 
Copyright © TBW
 

Per poter commentare i post devi esser registrato.
Se sei giá nostro utente esegui il login altrimenti registrati.
 
Username:Password: 
 
Hai dimenticato i tuoi dati? Clicca qui
 
 
I PIU' LETTI
 
DA NON PERDERE
SONDAGGIO
Vota il diesse italiano dell'anno
 
 
RITRATTI DALLA A ALLA Z
+ Tutti i ritratti
ALBI D'ORO
+ Albi d'oro
OSCAR TUTTOBICI
+ Oscar tuttoBICI
I NOSTRI LIBRI

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy